Missione per conto di dio

Missione per conto di dio

di Maria Novella Oppo

Giuliano Ferrara ha cominciato la sua ‘missione per conto di Dio’ indicandoci l’esempio del Giappone, paese tramortito ma composto, il cui imperatore è di natura celeste. E se l’imperatore chiede di risparmiare la luce dopo la catastrofe, i giapponesi obbediscono. Pur sapendo che, se le centrali nucleari esplodono, l’ordine e la buona volontà non servono a niente. Ma siccome noi non siamo giapponesi, ma italiani, abbiamo detto no alle centrali, ma soprattutto non abbiamo un imperatore che discenda da Dio. Basta guardare: al governo c’è un ometto grottesco, che da vent’anni vive in un’eterna carnevalata, mentendo, ritrattando e smentendo. Cosicché non gode del credito necessario nemmeno per chiederci di spegnere un fiammifero. Figuriamoci di morire per gli affari suoi e dei suoi amici dittatori, nonché per la carriera dei suoi imitatori alla Scajola. A proposito del quale Cicchitto ieri ha dichiarato che è «una risorsa». Un titolo che ormai non si nega nemmeno a Gasparri.

°°° Certo che sarebbe utile ripercorrere nella tv  ex pubblica e dal 1994 totalmente nelle mani della mafia-P2 un bel ripasso della vita e della carriera di silvio berlusconi. Dalle prime inchieste della GdF per traffico di armi e droga, ai fondi della mafia arrivati a questo nanerottolo fancazzista attraverso suo padre Luigi, manutengolo delle mafie con la banca Rasini, fino all’esproprio violento e truffaldino della reggia di Arcore, alla corruzione di ufficiali della GdF e di numerosissimi magistrati, ai suoi exploit con l’insider trading e l’aggiotaggio, ecc. Sì, sarebbe proprio carino. Ma soprattutto sarebbe

SERVIZIO  PUBBLICO!

Invece dobbiamo vedere pedissequemente la sua faccia orrtenda, sentire i deliri falsi e volgari duoi e dei suoi megafoni vergognosi…

Per quanto ancora?

apicella

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Missione di pace… ETERNA.

Farah, strage di militari italiani
uccisi quattro alpini, un altro ferito

http://www.repubblica.it/esteri/2010/10/09/news/morti_tre_militari_italiani-7879466/?ref=HREA-1

°°°Pregherei la russa e tutto il regimetto ridicolo e guerrafondaio di non romperci i coglioni con arrivo di salme in diretta, vaneggiamenti su inesistenti eroismi, e funerali di stato. I funerali di stato facciamoli per gli eroi veri: gli operai uccisi da questo governicchio mentre lavorano senza nessuna norma di sicurezza e i poveri innocenti che crepano per l’incuria del territorio e per le speculazioni delle cricche. Grazie.

gattoterror

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Frattini va in missione

Frattini crede di essere il ministro degli esteri di un paese importante.  Dato che anche il capo del suo governo è un usurpatore, la fiction va avanti e Frattini si trova a dover partire in missione per la Russia. Siccome deve rientrare il serata,decide di partire alle sei del mattino. Giunto a Ciampino, il pilota dell’aereo di stato gli dice che non è cosa: troppa nebbia e troppe perturbazioni lungo la rotta. Frattini decide di rimandare ilviaggio e se ne torna a casa. Appena tornato a casa, sono le 8, si spoglia e raggiunge la moglie ancora a letto. Il genio si spoglia e  si sdraia  accanto a lei sussurrando: “Uffah! che tempaccio oggi, cara”. E lei: “Eh si’. E quell’idiota di mio marito è partito per Mosca!”

cane

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Altri danni miliardari di Berlusconi e Scajola

EXPO SENZA L’EX SCIABOLETTA – LA CINA NON SA NEANCHE CHI È SCAJOLA, MA ’NO MINISTRO, NO PARTY’: VA IN TILT IL FORUM DELLE IMPRESE ITALIANE A SHANGHAI – AGENDA STRAVOLTA E INTESE A RISCHIO, IL PRESIDENTE HU JINTAO MANDA SOLO RAPPRESENTANTI DI TERZO LIVELLO – E’ QUESTIONE DI ETICHETTA ISTITUZIONALE: L´ACCOGLIENZA DEGLI OSPITI DEVE “AVVENIRE TRA PARI”…

Giampaolo Visetti per “la Repubblica”

I  CASINI  DI BERLUSCONI E SCAJOLA

casino

Non risulta che Claudio Scajola, in Cina, lo abbiano sentito nominare tutti. A Pechino le sue dimissioni da ministro per lo Sviluppo economico hanno però fatto più effetto che a Roma. Berlusconi si è limitato ad assumerne le deleghe. Il governo cinese, attentissimo ai dettagli politici, ha deciso invece di declassare il format della

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Bill Emmott

Parla Emmott, storico direttore dell’Economist. “E’ stato Berlusconi a fondere vita pubblica e vita privata. E sul padre di Noemi non ha detto la verità”
“Informare è una missione
premier indifendibile se mente”

dal nostro corrispondente ENRICO FRANCESCHINI

LONDRA – “Porre domande a un leader politico, per un giornale, è non solo legittimo ma parte della missione di informare. E la distinzione tra vita pubblica e vita privata, nel caso Berlusconi, non si può fare, è stato lui per primo a fondere le due cose”. Bill Emmott, dal 1993 al 2006 direttore dell’Economist, il settimanale britannico che sotto la sua guida ha raddoppiato la tiratura fino a oltre un milione di copie e si è trasformato nel primo periodico globale del mondo, conosce bene Silvio Berlusconi.

L’Economist di Emmott gli dedicò una famosa copertina, in cui lo definiva “unfit to govern”, indegno di governare, a causa del conflitto d’interessi rappresentato dal suo impero mediatico e dei suoi numerosi problemi con la giustizia. Il premier italiano rispose definendo Emmott un comunista: sebbene del comunista, l’autorevole giornalista inglese, abbia soltanto una barbetta da Lenin. Adesso fa il columnist per il Guardian e scrivere libri best-seller: a proposito, rivela in questa intervista a Repubblica, il prossimo “sarà sull’Italia”.

Bill Emmott, dov’è il confine tra pubblico e privato, nell’informare sull’attività di un leader politico?
“La mia opinione è che il comportamento pubblico di un leader sia definibile dal suo ruolo di governo, dalle sue responsabilità, dalla consistenza delle sue azioni. Ritengo però che, quando sei un primo ministro che si atteggia a simbolo della nazione, come Berlusconi ha fatto fin dall’inizio della sua discesa in campo, con il suo presentare la sua vita come la ‘Storia di un italiano’, il confine tra pubblico e privato si confonde. Il privato non è più una faccenda riservata, quando lo usi per ottenere la tua affermazione pubblica. Berlusconi stesso ha incoraggiato i media a giudicarlo anche sotto la lente della sua vita privata”.

Il nostro giornale ha inoltrato all’ufficio del presidente del Consiglio dieci domande per fare chiarezza sulle contraddittorie dichiarazioni riguardo ai rapporti con la 18enne Noemi Letizia, con il padre della ragazza e alle parole usate da Veronica Lario nel chiedere il divorzio. Palazzo Chigi definisce le nostre domande una “campagna denigratoria”. E’ appropriato o meno, secondo lei, porre domande simili su una questione come questa?
“Assolutamente appropriato. Di più: è parte dei doveri di un giornale, della missione di informare l’opinione pubblica. E’ legittimo voler sapere che cosa lega il primo ministro a quella ragazza che ha appena compiuto 18 anni. Anche a me piacerebbe sapere la verità. E mi piacerebbe che la Chiesa ponesse a Berlusconi domande analoghe”.

Che lezione dovrebbe averci insegnato la vicenda di Bill Clinton e Monica Lewinski?
“Che i rapporti sessuali tra il presidente e la stagista erano affari loro, una faccenda privata tra due adulti consenzienti, ma il modo in cui il presidente li raccontava poteva costringerlo a dimettersi. Quando ero direttore dell’Economist, scrivemmo un editoriale in cui ci schieravamo per le dimissioni di Clinton. Non perché fossimo dei bacchettoni. Bensì perché era chiaro che il presidente aveva mentito, ripetutamente, parlando in televisione dei suoi rapporti con Monica e poi sotto giuramento in una corte di giustizia. Mentire alla nazione, sia pure su una vicenda privata, era a nostro avviso imperdonabile”.

E lo stesso principio si può applicare a Berlusconi?
“Per me sì. Non importa cosa c’è tra lui e la ragazza, tra lui e deputate o ministre che potrebbero avere ricevuto l’incarico come un premio: se anche così fosse, era uno scambio volontario tra adulti, anche se personalmente lo trovo disgustoso. Ma se il premier mente a proposito di quello scambio, e la sua menzogna viene provata, allora la sua colpa importa eccome e la ritengo indifendibile”.

Alcuni, in Italia, risponderebbero che un uomo che mente su un rapporto con una donna è sempre perdonabile.
“Ecco, se c’è una cosa che uno straniero fa fatica a capire dell’Italia è questa: il modo in cui Berlusconi può dire quello che vuole e nessuno si scandalizza. Per esempio, ormai sembra provato che ha mentito sul modo in cui ha conosciuto il padre di Noemi. Quell’uomo non è mai stato l’autista di Craxi, come ha detto Berlusconi. In un altro paese, basterebbe questo a suscitare una riprovazione generale. Da voi no. Non lo capisco”.

bill

°°° Si è capito che Bill Emmott non è vespa e neppure rossella, ma nemmeno belpietro, feltri, giordano o liguori? Purtroppo, in questa italietta delle banane, giornalisti veri ne abbiamo davvero pochini…

b-gnomo5

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter