Un sorriso

L’allenatore del Napoli invia degli osservatori fidati in giro per il mondo
per cercare una nuova punta in grado di far raggiungere la vetta della Serie A alla squadra.

Uno degli osservatori gli dice di un ragazzo iracheno che, secondo lui,
diventerà un fuoriclasse.
L’allenatore va in Iraq a visionarlo, rimane ben impressionato e lo Fa
acquistare.

Due settimane piu’ tardi, il Napoli sta perdendo 4 a zero in casa a 20
minuti dalla fine, l’allenatore fa una sostituzione e manda in campo il ragazzo iracheno.
Incredibile! Segna cinque reti negli ultimi venti minuti e il Napoli vince.

I tifosi sono in delirio, i giocatori, tutto lo staff e i giornalisti lo
adorano.
Appena esce dal campo, il ragazzo telefona subito alla mamma per raccontarle della sua prima partita nel campionato italiano:
– Ciao Mamma, indovina un po’? – le dice – Ho giocato per 20 minuti oggi, stavamo perdendo 4 a zero, ma io ho segnato 5 gol e abbiamo vinto! Tutti mi amano, i tifosi, i giocatori e i giornalisti. Tutti!

– Bravo. – risponde la madre – Adesso ti racconto della mia giornata: hanno sparato per strada e tuo padre rimasto ferito, io e tua sorella siamo state derubate e picchiate, e tuo fratello entrato a far
parte di una banda di ladruncoli! Tutto questo mentre tu ti stavi
divertendo!
Il giovanotto ci rimane malissimo:
– Cosa posso dirti Mamma?… Mi dispiace…
– Ti dispiace? TI DISPIACE? Ti dispiace UN CAZZO!!! E’ tutta colpa tua se siamo venuti a vivere a Napoli !

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un commento