Matteo Renzi per scuola, ricerca, università ed edilizia scolastica aveva investito 8,2 miliardi. Le bestie di destra ne hanno tagliato oltre la metà. Quindi NON SI IMPUTINO A RENZI la fuga di cervelli e nemmeno i bassi compensi dei ricercatori.

È vero che il governo Renzi ha investito 7 miliardi e 800 milioni sulla scuola?

 -Il segretario del Pd Matteo Renzi, a Perugia lo scorso 10 settembre in occasione della presentazione del suo libro “Avanti” alla festa regionale del Pd, ha fatto diverse affermazioni, fra cui quella secondo cui avrebbe  “messo 7 miliardi e 800 milioni sulla scuola”. Agi pubblica un  fact-checking per verificare se la sua affermazione è vera.E allora Agi ha contattato il Ministero dell’Istruzione per avere informazioni e a quanto hanno riferito il calcolo che ha probabilmente fatto il segretario del Pd è sommare i 3 miliardi aggiuntivi che la legge di bilancio per il 2015 stanziava per l’istruzione, poi dettagliati dal ddl, ai 4,6 miliardi stanziati per l’edilizia scolastica.

Si potrebbero poi aggiungere, spiega Agi, 400 milioni stanziati dalla legge di bilancio per il 2017 (poi divenuti 600 milioni) per l’assunzione di nuovo personale.

Sommando queste cifre si raggiunge –  e anzi si sorpassa, arrivando a 8,2 miliardi – la stima di 7,8 miliardi citata da Renzi.

Conclusione, Matteo Renzi non ha mentito ed effettivamente durante il suo governo sono state spese per la scuola ben oltre le somme da lui citate.

https://www.tecnicadellascuola.it/e-vero-che-il-governo-renzi-ha-investito-7-miliardi-e-800-milioni-sulla-scuola
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Sempre al netto delle minchiate sondaggistiche della mafia russa, la lega ladrona perde come un tubo dell’acqua a Roma. A questi cali sommate i soliti brogli a manetta, i voti di mafia e i voti comprati per 50€ cash e vi fate un’idea più vicina alla realtà

Elezioni regionali 2020, la frenata della Lega: dimezzata in Calabria, perde 70mila voti in Emilia Romagna

Elezioni regionali 2020, la frenata della Lega: dimezzata in Calabria, perde 70mila voti in Emilia Romagna
Matteo Salvini (afp)

Rispetto alle europee, il partito di Salvini è in calo di consensi in entrambe le regioni

di MONICA RUBINO

Nonostante il leader della Lega Matteo Salvini provi a minimizzare la sconfitta del suo partito, un dato che emerge da queste elezioni regionali è l’emorragia di voti che ha colpito non solo il M5s ma anche il Carroccio.

Se raffrontiamo, infatti, le percentuali della Lega sia in Emilia Romagna che in Calabria con i risultati raggiunti in quelle stesse regioni alle elezioni europee del maggio 2019, salta all’occhio con evidenza il calo di consensi. In Emilia Romagna la Lega aveva preso alle europee il 33,8% conquistando il podio di primo partito, mentre questa volta si è fermata al 32%, pari a circa 70mila voti in meno rispetto ai 760mila voti di allora. E si piazza al secondo posto dietro al Pd primo partito con il 34,7%.

https://www.repubblica.it/politica/2020/01/27/news/elezioni_regionali_2020_la_frenata_della_lega-246902372/
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Essendo tutti verosimilmente della stessa matrice: il salvinismo, chissà se la bestia vigliacca andrà fiera di questo record tutto suo?

Femminicidi, 6 donne morte in una settimana. Il pg della Cassazione: “Emergenza nazionale”

Femminicidi, 6 donne morte in una settimana. Il pg della Cassazione: "Emergenza nazionale"

L’analisi del Procuratore generale Giovanni Salvi nella sua relazione all’anno giudiziario. In Italia calano complessivamente gli omicidi ma quelli che vedono vittime le donne restano stabili. E nel 28% dei casi – recita il Rapporto Eures – vengono preceduti da altri reati.

ROMA – Cinque donne uccise in due giorni, sei in una settimana, più il cadavere di una donna ritrovato dopo mesi e il fidanzato arrestato. E’ un bilancio orribile, che porta il Procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi nella sua relazione all’anno giudiziario a parlare dei femminicidi come “emergenza nazionale”.

A Mussomeli, Caltanissetta, un uomo ha ammazzato la compagna e la figlia 27enne della donna, poi si sparato. A Genova una donna è stata uccisa da un uomo (forse l’ex marito) che poi ha tentato il suicidio. Ieri una donna è morta dopo tre giorni di violenze fisiche subite dal marito e una 28enne incinta è stata trovata senza vita. Il marito è stato arrestato. Lunedì è stata trovata senza vita nel Bresciano Francesca Fantoni, l’uomo che l’ha uccisa ha confessato dopo due giorni. Ad Alghero, Speranza Ponti, scomparsa mesi fa è stata ritrovata cadavere: il fidanzato è in stato di fermo.

Nonostante gli omicidi di ambo i sessi siano calati in Italia, rimangono percentualmente più elevati i numeri di quelli che vedono come vittime le donne. Ad accorgersene è anche l’analisi statistica condotta dal Pg della Cassazione. Il dato che riguarda l’uccisione di donne nel nostro Paese è tanto più grave, questo il ragionamento del Pg, dal momento che l’Italia è sotto la media Ue, in assoluto, per quanto riguarda gli omicidi in generale.

Nel “contesto positivo” del calo degli omicidi con uomini come vittime – 297 nel 2019, dato inferiore a quelli che si registrano in media negli altri Paesi Ue – “è ancora più drammatico il fatto che permangono pressoché stabili, pur in diminuzione, i cosiddetti femminicidi”, ha detto Salvi ritenendoli una “emergenza nazionale”. In particolare, secondo i dati illustrati con allarme dal Pg, “le donne uccise sono state 131 nel 2017, 135 nel 2018 e 103 nel 2019. Aumenta di conseguenza il dato percentuale, rispetto agli omicidi di uomini, in maniera davvero impressionante”, ha sottolineato Salvi tralasciando i dati che riguardano gli uomini.

https://www.repubblica.it/cronaca/2020/01/31/news/103_femminicidi_nel_2019_emergenza_nazionale-247264904/?ref=RHRS-BH-I247216945-C6-P1-S1.6-T1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

La massoneria internazionale ha la stessa potenza delle mafie. Ma che vergogna per loro se assolvono questo squilibrato servo sciocco di #Putin!

Ucrainagate, mercoledì voto finale su impeachment. Trump: “Dem imbrogliano l’America”

Ucrainagate, mercoledì voto finale su impeachment. Trump: "Dem imbrogliano l'America"
(afp)

I democratici chiedevano di poter chiamare a deporre l’ex consigliere per la Sicurezza nazionale John Bolton ed altri testimoni sulle pressioni che il presidente Trump avrebbe esercitato sull’Ucraina per colpire il suo avversario politico Joe Biden

di ALBERTO CUSTODERO

Via libera del Senato, con 53 sì e 47 no, al voto sugli articoli di impeachment contro il presidente Donald Trump mercoledì prossimo alle 16 locali, le 22 in Italia. Le dichiarazioni conclusive di accusa e difesa sono previste per lunedì a partire dalle 11 con quattro ore a testa a disposizione.

Si profila dunque per mercoledì l’assoluzione di Trump rispetto alle accuse di abuso d’ufficio e intralcio delle indagini del Congresso sull’Ucrainagate al centro dell’impeachment.

https://www.repubblica.it/esteri/2020/02/01/news/ucrainagate_ok_del_senato_mercoledi_voto_finale_su_impeachment_di_trump-247299632/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P7-S1.8-T1

 

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Programmi di merda, nessuna professionalità e troppi, davvero troppi raccomandati inutili e senza nessun talento. E io paaagooo!

Spese per lo sport, canone giù, personale: il rosso Rai a 65 milioni. “In Italia la pubblicità web supererà quella in tv”

La televisione di Stato prevede una perdita di 65 milioni nel 2020. Forte esborso per Olimpiadi ed Europei di calcio. Ma pesa anche la concorrenza delle emittenti via Internet

di ALDO FONTANAROSA

L'ad della Rai Fabrizio Salini
L’ad della Rai Fabrizio Salini 

ROMA –  In Rai continua la maledizione degli anni pari. Se il bilancio del 2019 ha tenuto, quello del 2020 rischia di chiudersi con un rosso importante, pari a 65 milioni di euro. I conti della tv di Stato, dunque, rischiano di andare peggio rispetto alle previsioni del Piano Industriale, che ipotizzava una perdita, certo, ma inferiore (per 47 milioni). Con questo andamento, l’ìndebitamento finanziario di Viale Mazzini sarà pari a 560 milioni.

Meno 65 milioni, dunque. E le cose rischiavano di andare anche peggio. Una prima stima prevedeva un ammanco per 89 milioni. Se questo rosso super viene lievemente contenuto, è per effetto di sforbiciate e razionalizzazioni. La Rai taglierà, ad esempio: di 15 milioni i costi esterni; e di 5 milioni i costi del personale. Nello stesso tempo, la tv pubblica cerca di sfruttare al meglio i suoi punti di forza come l’archivio di eventi sportivi. Accordi di cessione dei diritti di trasmissione porteranno in cassa 13 milioni.

Ecco i numeri principali del bilancio di previsione per il 2020:
– i ricavi complessivi saliranno a 2.694 milioni di euro;
– i ricavi da canone si ridurranno a 1.771 milioni (meno 20 rispetto a stime precedenti);
– i costi per gli eventi sportivi (Europei, Olimpiadi) peseranno per 137 milioni;
– i costi del personale si attesteranno a un miliardo 22 milioni (con un peggioramento per 8 milioni rispetto a stime precedenti);
– il margine operativo lordo (uno dei principali indici di redditività) precipita a meno 84 milioni;
– il risultato operativo sarà a meno 73 milioni;
– infine il risultato d’esercizio, a meno 65.

Per quanto riguarda la pubblicità, il fatturato 2020 è stimato in crescita di 14,9 milioni sulla televisione e di 5,4 milioni sul web, stabile sul cinema,  in diminuzione di 2,5 milioni sulla radio.

Su questo bilancio già fragile pesa anche l’incognita dei 40 milioni di euro promessi dalla legge di Stabilità del 2019. Soldi che seriviranno a finanziare il varo del canale in inglese, del canale d’informazione istituzionale, la digitalizzazione degli archivi (Teche). Soldi che il ministero dello Sviluppo pagherà solo se Viale Mazzini spiegherà in dettaglio come e quando intende spenderli.

https://www.repubblica.it/economia/2020/01/31/news/spese_per_lo_sport_canone_giu_personale_cosi_la_rai_va_in_rosso_pubblicita_online_superera_quella_in_tv_-247221535/?ref=RHPPLF-BH-I0-C4-P12-S1.4-T1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

La parola al miglior statista europeo e miglior PDC italiano della storia: Matteo Renzi.

Enews 615, venerdì 31 gennaio 2020

Enews 615, venerdì 31 gennaio 2020

Buongiorno a tutti!
Domani e domenica, a Cinecittà, si tiene la prima Assemblea Nazionale di Italia Viva (qui per le info logistiche).

Il titolo è semplice: Buon Governo versus Populismo.

Buon Governo come nelle immagini senesi del Lorenzetti che faranno da sfondo ai nostri lavori.

Per sconfiggere il populismo occorre la serietà, occorrono i risultati, occorre il riformismo.
Parola noiosa, questa: riformismo. Una parola che non scalda. Ma è una parola che serve per sconfiggere la parola populismo.

E il populismo fa danno ovunque: nell’economia, nella giustizia, nella salute.

Del resto, lo vediamo anche in queste ore per il Corona Virus: è facile, facilissimo, suscitare il panico con un approccio populista. Più difficile è governare, specie in passaggi complicati. In queste ore, viviamo il paradosso di persone in fila per comprare le mascherine, le stesse che magari fino a qualche giorno fa sui social si professavano NoVax.

Il mio suggerimento è quello di affidarsi alle persone competenti. Su tutti, invito a seguire le raccomandazioni del  e naturalmente ad ascoltare i consigli delle persone serie, a cominciare dal professor Roberto Burioni.

Torniamo a noi, torniamo all’Assemblea di Italia Viva.

Siamo a Cinecittà, nel luogo dove i sogni prendono forma.
Partiamo domani alle 11.30 con la mia relazione introduttiva.

Quindi discuteremo di Piano Shock, Tasse, Europa, Agricoltura, Famiglia, Export, Prescrizione e molto altro. Al centro le proposte, non gli organigrammi.

Domenica chiuderemo i lavori con la replica che inizierà alle 11.30.

Chi vuole contribuire economicamente all’Assemblea ci fa un grande regalo: versamenti anche di soli cinque, dieci euro sono oggi l’unica strada per Italia Viva per finanziarsi.

Chi vuole seguirci in streaming potrà farlo anche sulle pagine social mie e di Italia Viva.

Per gli interessati, stasera sono ospite di Lilli Gruber a “Otto e Mezzo”.

Pensierino della sera. Mi ha commosso il canto dell’addio dei parlamentari europei nell’ultima seduta prima della Brexit. Si chiude un pezzo di storia lungo 45 anni. Ma oggi l’Europa deve iniziare a scrivere il futuro. Altrimenti la Brexit sarà l’inizio della fine.

Ci vediamo domani,

Un sorriso,

P.s.: Il PIL fa meno 0.3%. La situazione è molto complicata e le vicende internazionali, dalla Cina ai dazi alla Libia, rischiano di peggiorare il quadro. Bisogna cambiare passo subito a cominciare dallo sblocco dei cantieri con #ItaliaShock. Ne parliamo domani. Darsi una mossa, subito.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

I miracoli della DESTRA BANCARIA di @matteosalvinimi , quello che “risolveva tutto” a chiacchiere… perché nei fatti fallisce a manetta da 27 anni: banche, radio, giornali, regioni, comuni: tutto quello che tocca, FALLISCE miseramente.

Crac della Banca Popolare di Bari, arrestati Marco e Gianluca Jacobini. Interdetto De Bustis: “Falso in bilancio e ostacolo alla vigilanza”

Crac della Banca Popolare di Bari, arrestati Marco e Gianluca Jacobini. Interdetto De Bustis: "Falso in bilancio e ostacolo alla vigilanza"
Marco e Gianluca Jacobini 

Padre e figlio ai domiciliari. Decisivo un testimone che ha svelato come gli Jacobini continuassero a controllare ogni scelta della banca nonostante avessero formalmente perso ogni carica. Fino a spostare 5 milioni dai propri conti

di CARLO BONINI e GIULIANO FOSCHINI

BARI – Era ragionevole pensare che accadesse. Ed è accaduto. La parabola catastrofica di Marco e Gianluca Jacobini, il padre e il figlio (ex presidente ed ex numero 2), per mezzo secolo padroni della Banca popolare di Bari, il più grande istituto creditizio del Mezzogiorno, e del suo crac da 2 miliardi di euro raccontato da Repubblica tra il luglio e il dicembre scorsi, ha il suo epilogo in un’alba di arresti. Il gip Francesco Pellecchia – accogliendo le richieste del Procuratore aggiunto Roberto Rossi e del sostituto Federico Perrone Capano – ha disposto gli arresti domiciliari dell’ex presidente della banca, Marco Jacobini e del figlio Gianluca, già vicedirettore generale e condirettore. Con loro finisce agli arresti domiciliari anche Elia Circelli, ex responsabile della Funzione bilancio e amministrazione della Direzione operations.

Di più. Cade anche l’uomo che ha scritto alcuni dei capitoli più controversi della storia della finanza italiana, Vincenzo Figarola De Bustis, già Banca 121, Mps, Deutsche Bank e, naturalmente, Popolare di Bari, di cui è stato prima direttore generale e poi, fino al giorno del commissariamento ordinato nel dicembre scorso da Bankitalia, amministratore delegato. Per lui il gip ha infatti disposto la misura cautelare dell’interdizione per un anno dalle funzioni bancarie e dalla dirigenza di società.

https://bari.repubblica.it/cronaca/2020/01/30/news/banca_popolare_di_bari_arrestati_jacobini-247204210/?ref=RHPPLF-BH-I247221537-C8-P3-S1.8-T1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ma quanto lo state rimpiangendo lo statista @matteorenzi , col quale l’Italia – da fallita completamente – era diventata 1a in Europa e cresceva ininterrottamente da 14 TRIMESTRI?

Istat, tornano a calare gli occupati a dicembre. Maxi calo per i posti fissi, record di precari

Istat, tornano a calare gli occupati a dicembre. Maxi calo per i posti fissi, record di precari
(ansa)

I dati dell’istituto di statistica: forte flessione per i dipendenti stabili (-75 mila), crescono solo quelli a termine (+16 mila). Disoccupazione stabile al 9,8%.

MILANO – Dicembre negativo per il mercato del lavoro. Dopo due mesi di crescita, nel finale dell’anno gli occupati sono scesi di 75 mila unità, mettendo a segno la flessione più marcata da febbraio 2016. I numeri, diffusi ogg dall’Istat, evidenziano un forte  calo dei dipendenti permanenti (-75 mila), a fronte di un meno marcato aumento di quelli a termine (+17 mila), che toccano così il record di 3 milioni e 123 mila. In calo invece i cosiddetti indipendenti (-16 mila), cioè imprenditori, liberi professionisti e lavoratori autonomi, che registrano il dato più basso (5 milioni e 255 mila) dal 1977, cioè dall”inizio delle serie storiche dell’istituto.

https://www.repubblica.it/economia/2020/01/30/news/istat_occupazione_disoccupazione-247134862/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P2-S1.8-T1
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter