Tutte brave persone

Perugia, asta per la casa dell’orrore
La casa in cui venne ritrovato il cadavere di Meredith

La proprietaria dell’immobile
pensa ad un ingresso a pagamento

PERUGIA
La casa degli orrori di via della Pergola non diventerà un piccolo casale abbandonato a pochi passi dal centro storico. Per la villetta a due piani dove venne uccisa Meredith Kercher – la sera del’1 novembre -, secondo il quotidiano La Nazione, si è scatenata un’asta per potere “riprendere” dall’interno la casa. E ce ne è anche un’altra per poterla acquistare dopo un accurato restauro. La richiesta per entrare nella casa è stata fatta sia da televisioni italiane che straniere.

Ovviamente gli obiettivi non potranno immortalare la scena del delitto, dato che è stato tutto ripulito e riconsegnato ieri. Restano le stanze, qualche vestito, i turni per la polizia dei luoghi comuni degli inquilini, la finestra rotta e piccoli frammenti di vita vissuta.

La proprietaria dell’immobile, dissequestrato meno di 24 ore fa, sarebbe interessa a permettere un ingresso a pagamento. I denari – sempre secondo la Nazione – servirebbero sia per il restauro dell’immobile sia per ammortizzare i mancati introiti derivanti dalla pigione non pagata dopo quasi due anni di sequestro.

°°° Italiani, brava gente. Pure dei poveri cadaveri, come del maiale, non si butta via niente. Questa è l’italietta di berlusconi, amici!

casa_perugia01g

meredith01p

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un commento