Domani telefono a Cappellacci. Non ha risposto alla mia email… come Soru. Ma che persone sono?

Gli ho scritto questa email molto garbata:

From: Lucio
Sent: Monday, August 01, 2011 10:35 AM
Subject: Caro Presidente. S.O.S. di Lucio Salis… URGENTE!
Non ci conosciamo personalmente, ma credo che il mio nome e qualche mio lavoro lo conosca. Sono Lucio Salis, nato a Santa Giusta nel 1947 e dal 1960 ho cominciato a studiare seriamente e a fare parecchi umili mestieri. Ho fondato anche i primi gruppi vocali e strumentali in Sardegna e in Italia (Barritas, Salis & Salis, ecc.) producendoli e scrivendo loro le canzoni. Da quell’intuizione si aprì un mercato e vennero creati in Sardegna almeno 30 mila nuovi posti di lavoro: musicisti, tecnici, autisti, costumisti, tanti negozi di strumenti musicali, ecc. Dal 1967 al 1972 ho diretto alcune case discografiche a Milano (Belldisc, Bluebell, Produttori Associati), producendo Fabrizio De Andrè, Alunni del sole, Duilio Del Prete, ecc., scrivendo anche per la radio, per alcuni giornali, e collaborando con il sindaco di quella città per parecchie iniziative del mondo giovanile. Rientrato nel 1973 a Cagliari, investii tutti i miei risparmi per fondare la prima casa discografica sarda: La Strega Record, per essere vicino ai tanti talenti sardi che non avevano il coraggio di varcare il mare per farsi strada. Fondai anche le prime “radio libere” in Italia: Radiolina e Radio 24 ore. Truffato e deluso da alcuni soci, mi inventai il Teatro Cabaret sardo ed ebbi grande successo fino al 1980, con centinaia di spettacoli davanti a 20/40 mila persone. A quel punto, essendo stato il comico scelto da Nanni Loy per il suo programma radiofonico “Radio anch’io”, accettai il suo invito e lo seguii a Roma, dove diventai in pochi mesi la star comica più importante di Radio Uno. Lavorai per alcuni anni coi più grandi maestri: da Loy a Stefano Satta Flores, da Gastone Moschin ad Antonella Steni, ecc. Contemporaneamente, feci alcuni film come attore, ma soprattutto collaborai gratuitamente coi mostri sacri del cinema, per rubare mestiere: Fellini, Ugo Pirro, Pippo e Suso d’Amico, Leone, Angeli, Valerii, ecc. Dietro la paterna spinta di Ugo Pirro (due Oscar e tre nomination) insegnai sceneggiatura nella sua cooperativa di viale Giulio Cesare. Coi miei programmi radiofonici: Sapore di Salis, Via Asiago Tenda, Permette, cavallo?, ecc. facevo ascolti da record e rifiutavo programmi televisivi, dove mi chiedevano di fare il sardo delle barzellette. Non fu facile dire quei NO, ma tanti altri ne dissi in seguito. Non era facile nemmeno fare carriera, dato che sono sempre stato uno dei pochissimi artisti che non ha mai accettato né tantomeno cercato appoggi politici.

Facevo i pienoni nei teatri, ottenendo critiche entusiastiche da tutta la stampa che conta, e mantenevo così la mia famiglia con tre ragazzini in una bella casa di via Aurelia.

Nel 1986 cedetti all’assedio di Antonio Ricci e Gennaro Ventimiglia e diventai dopo sole due puntate la star più originale e amata del Drive in. Per tre stagioni le mie uscite segnavano il picco d’ascolto di quel programma e di tutte le altre trasmissioni dove partecipavo come ospite d’onore.

Il Sardo AVEVA SFONDATO. Sparirono d’incanto i luoghi comuni più beceri sui miei “conterroni”; nessuno si sognava più di raccontare barzellette volgari sui sardi, nessun “pezzo grosso” imbecille minacciò più i suoi sottoposti col famigerato “TI SBATTO IN SARDEGNA!” E cessarono piano piano anche i sequestri di persona. I sardi erano stati finalmente sdoganati e in tutta Italia, ancora oggi, appena incontrano un nostro concittadino gli sorridono immediatamente e scatta il mio ormai universale: “CAPPITTO MI HAI?!”

Improvvisamente, nel dicembre del 1990, dopo aver detto un NO di troppo (avevo rifiutato una quindicina di strapagatissimi B-movies, dove mi si chiedeva di fare le cose che avevo sempre rifiutato e che avrebbero vanificato tutto il mio lavoro di una vita e mortificato l’immagine dei sardi), venni fatto sparire e condannato alla MORTE CIVILE.

Ho sempre fatto satira vera, più dal vivo che in TV, ovviamente, senza censure e senza timori reverenziali. Non ho né ho mai voluto tessere di nessun partito. Sto dalla parte di chi lavora e contro chi ruba, da sempre. Ma la satira non è mai stata amata dai regimi, né tantomeno dai pezzi grossi della politica italiana. A destra come a sinistra.

Resistetti qualche altro anno a Roma, accettando di tornare alla Rai, ma anche lì mi vennero cancellati i contratti all’ultimo minuto… per ordini dall’alto.

Mi chiusero tutte le porte, mi calunniarono, mi volevano morto.

A nulla valsero i numerosi articoli scritti dai più importanti intellettuali italiani sui più importanti giornali nazionali: ero il primo nome della lista nera.

Ero stato tradito anche da certi politici sardi, quando il presidente Rojch mi pregò di fare qualcosa per i giovani. Rientrai con due miliardi che investii – dall’88 al ‘90 – e fondai una Coop giovanile “CinemAzione”, con l’intento di aprire il più grande centro di produzione cine-televisivo d’Europa. Avevo tutti i contatti e il meglio della professionalità a disposizione. Tutti i grandi maestri di Cinecittà erano pronti a lavorare in Sardegna, a parità di costi. Qui persi tanto tempo e tutti i soldi. Dei 15 mld pattuiti e occorrenti, mi vennero offerti beffardamente un miliardo e 125 milioni (Faccia come fanno tutti, mi disse il funzionario: prenda i soldi e se ne torni in continente). Non li presi, naturalmente. Ma pensi che con un’idea simile oggi ci campa mezza Bulgaria, dove arrivano anche da Los Angeles a girare.

11 anni fa mi arresi. Avevo perso la mia famiglia, il mio lavoro, la mia carriera.

Trovai una nuova compagna, facemmo una bambina deliziosa, e me ne tornai in Sardegna: metto il mio nome, il mio talento, le mie esperienze e la mia energia a servizio della mia gente, mi dissi.

Bene. Anzi, MALE!

Nonostante abbia il curriculum più pesante di qualunque altro artista sardo nella storia, nonostante abbia decine di progetti per creare economia e migliaia di nuovi posti di lavoro legati alla cultura, all’artigianato, alla pastorizia e all’agricoltura bio… sono qui da undici anni e nessuno mi ha mai fatto lavorare un solo giorno.

Ho un blog su Internet che viene letto da oltre TRE MILIONI di persone in tutto il mondo e molti amici mi hanno tenuto vivo fin qui.

Ma ora sono pieno di debiti, la salute mi sta creando molti problemi, ed ho bisogno di aiuto. Non voglio essere privato anche della mia dignità e perciò chiedo una mano a chi dovrebbe volere il bene della Sardegna, dei sardi, e dei suoi figli migliori.

Non voglio elemosine, ma solo la possibilità di lavorare e di essere utile alla mia gente, come lo sono stato nel corso di tutta la mia vita.

Voglio che i miei figli tornino ad essere fieri di me.

Spero di essere contattato presto, prima che sia troppo tardi. Grazie e auguri di buon lavoro.

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Chi ha seminato l’odio

Cagliari 2008, la guerriglia dei “pacati” berluscones

di Francesca Ortalli(Unità)

Era l’undici gennaio del 2008 quando Cagliari fu messa a ferro e fuoco da un numeroso gruppo di teppisti. Si era in campagna elettorale, a febbraio l’appuntamento col voto regionale. La città rimase sconvolta e frastornata da una violenza che, fino a quel giorno, non si era mai vista. In particolare, poi, contro un rappresentante delle istituzioni, l’allora governatore della Regione Sardegna Renato Soru.

La sua abitazione fu trasformata in bersaglio e presa d’assalto da decine di manifestanti del centrodestra inferociti per l’arrivo dei rifiuti «importati» dalla Campania nei giorni dell’emergenza. Soru fu tra i primi a dare la disponibilità per accogliere quella “munezza” che Napoli non sapeva più dove mettere. Un gesto di solidarietà che diventò il casus belli per un attacco personale e politico di una gravità inaudita.

Cagliari fu per qualche giorno come Pianura: cassonetti incendiati, pattuglie di polizia e carabinieri in tenuta anti sommossa, scene di violenza gratuita. Il bilancio fu pesantissimo: sette arresti e dodici agenti feriti. Altri due teppisti furono presi il giorno dopo con alcune bottiglie incendiarie: un testimone li aveva sentiti darsi appuntamento sotto casa di Soru e aveva avvisato la Questura. Le reazioni indignate si sprecarono ma nessuno, specialmente nel centrosinistra pensò mai di utilizzare l’episodio per mettere a tacere l’opposizione.

I principali protagonisti degli scontri di quei giorni furono gli ultrà del Cagliari. Ma nella dinamica degli incidenti alla Digos apparve sin da subito una regia precisa con gruppi organizzati che muovevano all’assalto. Lo stesso questore di Cagliari Giacomo Deiana disse: «qualcuno ha pagato i teppisti violenti, che si sono uniti a pacifici manifestanti, per creare incidenti». Altro fatto inquietante fu la catena di Sms che partì in un battibaleno. Messaggio chiaro: appuntamento proprio quella sera di fronte alla casa del governatore.

Il testo è ancora disponibile sul sito www.peggiosoru.it, mai oscurato neanche sotto la campagna elettorale. Qui si possono leggere tuttora le dichiarazioni di Simone Spiga, dirigente nazionale di Azione Giovani, all’indomani della guerriglia: «Certamente rimane il dato complessivo, cioè tutte le proteste, anche le più estreme sono il risultato di folli decisioni di Soru che vorrebbe far diventare la Sardegna pattumiera d’Italia». Secondo Maurizio Gasparri invece, «i giovani militanti della destra hanno voluto esprimere la rabbia di chi contesta una politica come quella di Soru... Le sue scelte sono inaccettabili perché è Bassolino che si deve assumere le proprie responsabilità…. La procura di Napoli si occupa di vallette invece di seguire il consiglio del direttore Feltri che giustamente invoca le manette nei confronti di quanti hanno devastato la Campania».

Le manette, quindi secondo il “garantista” Gasparri, andavano bene per gli amministratori del centrosinistra, oggi vanno stoppate quando scattano per quelli del centrodestra, per non parlare poi del premier, assolutamente intoccabile. Nessuno poi si scandalizzò quando l’allora sindaco forzista di Olbia, oggi deputato del Pdl, il 23 settembre del 2006, ad un convegno organizzato dai Riformatori sardi contro il piano paesaggistico varato dalla giunta Soru dichiarò che serviva «un colpo di pistola o di fucile alla testa del governatore». E, per non essere frainteso aggiunse «se anche Soru morisse di morte naturale non dispiacerebbe a nessuno». Fu applaudito calorosamente dai presenti.

LO  SCEMO FASCISTA  DEL PAESE, CHE HA VENDUTO   LE “CHIAPPETTE D’ORO” A BERLUSCONI PER TANTI SOLDI.

gasparri3

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Cappella: via col cemento

Piano casa: il primo atto di Cappellacci

bonus anche sugli alberghi

Entro metà luglio il ddl
che conterrà pure le modifiche
al piano paesaggistico
varato dalla giunta Soru.

°°° Ma è meraviglioso! Cappella paga la prima , anzi no: la seconda cambiale al suo proprietario. La prima era FAR CHIUDERE LE INDUSTRIE.

Mi chiedo perché ampliano gli alberghi: sono tutti desolatamente VUOTI!

Ah, già… deve circolare cemento, devono circolare tangenti. Che scemo…

CAPPELLA  SI DIVERTE

cappellacci

AMPLIAMENTI

piano_casa1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Qualche verità (FATE GIRARE!)

Prendo spunto da un bel pezzo di Marco Bucciantini del 14 febbraio 2009

“E’ la svendita di un patrimonio allo straniero di Arcore, al razzismo leghista”, accusa la mia amica (e cugina onesta del prestanome di Mafiolo) Claudia Zuncheddu, sardista, che ha fondato i Rossomori, evocando Emilio Lussu e portando almeno una parte degli indipendentisti in appoggio a Soru. Il sostegno del sedicente partito sardo d’azione a Berlusconi è davvero STOMACHEVOLE: la bandiera dei quattro mori su sfondo bianco e croce rossa, a sventolare su Villa Certosa è il peggior simbolo della colonizzazione. E’ la fotografia dei sardegnoli invertebrati che vendono il culo per qualche briciola. Siamo di nuovo COGLIONIZZATI E RINCOGLIONIZZATI… La residenza del mafionano è il monumento che si è costruito in barba alle leggi, ai lavoratori, ai pensionati, ai milioni di nuovi poveri che il suo regime malavitoso e incapace ha provocato, e ai sardi onesti. La reggia di Punta Lada è anche un monumento all’abusivismo più mafioso, ma Tremonti condonò e la villa ora può essere mostrata nella sua interezza agli ospiti. Prima che il Cavaliere l’acquistasse era una semplice casa colonica, proprietà di Flavio Carboni, il faccendiere sardo coinvolto nell’omicidio del banchiere Roberto Calvi. Adesso è una provincia con il parco che ha rimpiazzato i sessanta ettari per il pascolo, poi l’anfiteatro, il campo di calcio, il bunker in caso di attacco nucleare da parte dei suoi pusher, i laghetti artificiali. I sardisti stanno dunque con il conquistatore. Il segretario del Psd’Az è Efisio Trincas, che quando era sindaco di Cabras fu indagato per abusi edilizi in zone di particolare pregio e chiese allo Stato italiano di tradurre l’atto in dialetto sardo, prima che gli fosse notificato. Un sardismo da barzelletta. Di lui si ricorda la battaglia contro gli omosessuali: eppure il Psd’Az si era sempre speso in difesa delle minoranze. Trincas è anche (passatemi il termine ardito) l’uomo che ha ucciso Cabras e le sue potenzialità.

UN COMITATO D’AFFARI
Dalle ambizioni personali di un gruppo che ha svenduto l’anima si passa al comitato d’interessi. Quello che vuole “togliere i lucchetti che Soru ha messo alla Sardegna”. Da 30 anni Berlusconi fa affari sull’isola e CONTRO LA SARDEGNA, grazie al domestico e prestanome Romano Comincioli, plurindagato (faceva da tramite con il suddetto faccendiere Carboni), assolto dalle leggi ad personam volute proprio per salvare l’amico di Arcore, e ripagato alla maniera solita di Mafiolo: con un seggio al Senato. La sua firma appare anche in cambiali passate a uomini della Banda della Magliana per poi finire nelle mani di Pippo Calò, il cassiere della Mafia. Ma non importa. Lui è l’uomo di fiducia di Berlusconi in Sardegna. E lo si è visto nello scorso turno elettorale. Forza Italia sull’isola ha due potentati: quello di Comincioli e quello di Beppe Pisanu. Il primo è strettamente legato per affari allo studio di commercialista del padre di Cappellacci, Giuseppe. Il secondo è nume tutelare del sindaco di Cagliari Emilio Floris: la scelta di candidare Ugo Cappellacci dimostra i rapporti di forza: Comincioli è un vecchio compagno di classe di Berlusconi che, si sa, tende ad affidarsi a questi sodali di lunga data. Ed è stato infatti il senatore a tessere gli accordi con i sindaci del nord dell’isola, scesi in campo per Cappellacci, nelle liste provinciali, a costo di sguarnire o comunque di complicare l’attività delle giunte comunali.
L’accolita intorno a Comincioli serve meglio al disegno di Berlusconi “contro la Sardegna dei vincoli”. Vuol prendersi la Regione, e con essa le terre che Soru ha provato a blindare. Fu il governo Berlusconi, nel 2005, ad impugnare davanti alla Consulta la salva-coste. Quella legge ha imbrigliato la mitica, faraonica Costa Turchese, evoluzione di quell’Olbia 2 che Berlusconi, Cappellacci sr. e Comincioli già avevano in mente a fine anni 70. Eccola, la loro oasi: 525.000 metri cubi di cemento su 450 ettari di terreno, 385 ville, due alberghi da 400 posti letto, 995 appartamenti in residence, 1 centro commerciale sulla costa nord-est. Tutto rispolverato allorquando il Tar rivelò un quadro normativo lacunoso sui piani urbanistici, sentenza che scatenò gli appetiti della Finedim di Marina Berlusconi, che ripropose l’idea, con una “chicca”: lo sventramento della spiaggia per realizzare un canale navigabile e collegare il mare con un porticciolo da costruire ex novo. Quel quadro normativo è stato puntellato da Soru, e si è impedita la violenta colata di cemento.

LA FIGLIA DEL SINDACO
Questo sbilanciamento sul gruppo Comincioli-Cappellacci, però, poteva erodere il consenso del Pdl nel capoluogo, dove Floris amministra in guerra con Soru, intento dichiarato la scorsa estate, in vista proprio delle elezioni: “Nessuna trattativa con il signor Renato Soru”. E così restano chiusi nel cassetto 220 milioni di euro di investimenti su Cagliari e oltre 1200 posti di lavoro. Una città paralizzata, con il Betile, museo regionale d’arte nuragica e contemporanea disegnato dall’anglo-irachena Zaha Hadid, rimandato a chissà quando. Cotanto zelo era l’annuncio di una candidatura di Floris, condivisa nel centro destra, e il sindaco poteva dunque essere mortificato dalla scelta di Cappellacci. Questo rischiava di compromettere l’impegno dello stesso amministratore nella campagna elettorale e intiepidire i fan del capoluogo. Berlusconi ha rimediato alla sua maniera: la figlia del sindaco è nel listino del presidente. E Rosanna è perfino commovente: “Fin da piccola volevo fare politica, ma l’ingombrante presenza di papà mi intimidiva”.

L’EDITORE
Nella foto di gruppo c’è anche un altro amico-servent del Cavaliere: “l’editore” Sergio Zuncheddu, altro candidato mancato ma meno rancoroso di Floris. Il sedicente editore pubblica il quotidiano di regime l’Unione Sarda, che da 4 anni picchia durissimo – seppure con uno stentato italiano – su Mr.Tiscali. Zuncheddu controlla anche le alcuni videocitofoni regionali che nessuno ci invidia, come “Videolina. Come il suo proprietario, parte dall’edilizia, dalle Città Mercato. A Capoterra, su un terreno che nel 1969 fu trasformato da paludoso a edificabile, e da avamposto di caccia dei cagliaritani si rivalutò enormemente, e che due mesi fa ha scontato con alluvioni e morti quell’affronto alle leggi della natura, Zuncheddu ha spadroneggiato con le centinaia di case costruite dalla sua cooperativa sullo stagno di Santa Gilla.

CAPPELLA
Ugo non è quella CACCHINA INESPRESSIVA degli spot sorridenti confezionati dal pubblicitario Gavino Sanna. È vaccinato ALLA MALAVITA pure lui: è stato per anni al comando della Sardinia Gold Mining: una grande truffa che ebbe nel 1998 in concessione dalla Regione il territorio dei comuni della Marmilla. Si cercava l’oro, e il prezzo
per la multinazionale fu ridicolo, mentre enorme è il danno ambientale, cui è difficile trovare argine, dopo il fallimento
della società mista di capitale italiano, canadese e australiano. Cappellacci è stato presidente per quasi tre anni di quell’impresa e si dimise nel 2003 per entrare come ragioniere nella giunta regionale guidata da Italo Masala: a fine mandato. Grazie alla sua abilità,
il debito della Sardegna sarà di 3 miliardi e mezzo di euro. Un record. Lo prende in cura Floris, e lo fa assessore al bilancio del comune di Cagliari:
e il bilancio va immediatamente in rosso.

ORA E’ TEMPO DI CACCIARLI VIA TUTTI, DAL PRIMO ALL’ULTIMO, A CALCI NEL CULO.

cappella

banda_bassotti

b-dream

ber-mafioso

b-piduista1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ennesimo scippo

Montecitorio. L’esecutivo boccia due ordini del giorno sui trasporti presentati dai parlamentari isolani
Aerei, caos della continuità
il governo dice no ai sardi

°°° SCIPPATA ANCHE LA MISERA CONTINUITA’ TERITORIALE.
Saranno contente le scimmiette che hanno creduto alla panzane miracolistiche del nano cazzaro e del suo fattorino. Ma forse saranno contenti anche tore cherchi e antonello cabras, che hanno spinto il Sulcis a votare per Mafiolo, pur di fare un dispetto a Soru. Che gli frega a loro? Mica hanno mai pagato i viaggi…

bervattene1

beffa1

ber-corruttore3

cappella5

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Complimenti!

La Sardegna, con noi, tornerà a sorridere” millantavano Cappellacci e Burlesquoni in campagna elettorale. Oggi tutti i giornalacci di destra annunciano trionfanti: “L’ASSEMBLEA REGIONALE FA PIAZZA PULITA DELL’ODIOSO BALZELLO DI SORU: SPAZZATA VIA LA TASSA SUL LUSSO!” Complimenti. Questo vuol dire che gli inquinatori e gli speculatori saranno di nuovo autorizzati a fare qualunque porcata in casa nostra. E senza pagare nemmeno un cent di ristoro.
Torneranno a deturpare le coste con le loro porcilaie intonacate, ad inquinare i mari coi motori fuoribordo, a gettare le reti a strascico uccidendo i fondali, a spaccare le sculture in pietra che hanno impiegato millenni a formarsi, a fottersi il corallo e la sabbia… una bella conquista, insomma. Cappellacci ci dovrebbe dire se stanno sorridendo di più i nuovi disoccupati del Sulcis o quelli della Maddalena. Ma non ce lo dirà: è troppo impegnato a leccare il culo del suo proprietario a Roma…

cappella1

berlusconi_sardo

vergogna1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ricevo da Alessandro e pubblico

Scippo del G8, il grande bluff dei 100 cantieri della Sassari-Olbia, furto d’uso delle opere di Soru e le profezie di travicello-Cappellacci

28 aprile – L’altravoce

Carlo Mannoni

25 aprile, anniversario della Liberazione. Quanti pensieri e riflessioni sulla nostra democrazia! “Povera Italia !”, cantava anni fa, preveggente, il grande Battiato. In Sardegna si ride già di Cappellacci. Il re travicello, il Fantozzi sardo. www.altravoce.net ha già raccontato gli ultimi misfatti del Cavaliere ai danni della Sardegna. L’Unione Sarda dell’altro ieri nelle prime tre pagine osanna a titoli cubitali ai successi virtuali di Berlusconi e di Cappellacci in Sardegna. Prima pagina, a sei colonne:”Berlusconi, blitz a Cagliari per rassicurare la Sardegna”. Seconda pagina, a 8 colonne: Sassari-Olbia, si farà l’Autostrada – Cappellacci più fiducioso, tutti i progetti verranno completati”. Terza pagina, sempre a 8 colonne perché di più non si può: Berlusconi: non tradirò la Sardegna. La Maddalena diventerà la perla del Mediterraneo”.

Balle e ancora balle del giornale amico, quello che l’assessore regionale alla pubblica istruzione Baire ha elogiato con enfasi, nel corso della conferenza stampa per Sa Die de sa Sardigna, quale insostituibile baluardo della verità e altrettanto insostituibile cinghia di trasmissione tra la politica della Giunta e la società dei sardi!. E quando non son balle, ci si appropria, in un crescendo rossiniano degno di miglior causa, dei risultati del duro lavoro di Soru e della sua giunta.

Ho risposto ad un mio amico di La Maddalena che mi chiedeva cosa pensassi dello “scippo del G8″ alla Sardegna e alla cittadina di La Maddalena in particolare. Siccome quell’amico è stato un tiepido sostenitore della nostra politica (quella di Soru), gli ho ricordato alcune cose che vi riporto.

“Quanto a La Maddalena (e non solo) di che stupirsi? Tutto previsto. L’avevo denunciato da Vicepresidente della Regione nel gennaio e nel febbraio di quest’anno. La “mia” Sassari – Olbia ormai appaltata ed ora messa da parte (tre anni e mezzo di un intenso e difficile lavoro,anche politico). L’immagine di La Maddalena e della Sardegna, che con il G 8 avrebbero avuto un risalto mondiale, totalmente offuscata (altro che promozione eccezionale dell’immagine della Sardegna nel Mondo con Obama a spasso per il nuovo e magnifico Arsenale!) .Per fortuna resta il grande investimento da noi voluto, compresi i 17,5 milioni di euro per il porto urbano da Cala Gavetta all’Ammiragliato, e gli oltre 10 milioni per la riqualificazione edilizia delle case fatiscenti di Moneta e più (un vero e proprio obbrobrio urbano, uno sconcio ben protetto da interessati inquilini con un potere di interdizione che la magistratura farebbe bene ad approfondire) e delle nuove abitazioni popolari per le famiglie maddalenine senza casa. Ma i maddalenini hanno votato in massa Cappellacci e Berlusconi che per la Maddalena, come si vede, hanno fatto tanto!

Purtroppo Cappellacci non conta niente e vale politicamente ancor meno di niente. Purtroppo per i sardi, ovviamente, che l’hanno votato assieme a Berlusconi.

Se si prende La Nuova Sardegna della settimana precedente le elezioni (si parlava del ponte crollato ad Orosei sulla SS 125 che io ho avviato alla ricostruzione come Commissario straordinario per l’alluvione), rispondendo ad una patetica polemica del Cappellacci ricordandogli che portava scarpe troppo grandi per i suoi piedi e che prima o poi avrebbe inciampato e si sarebbe fatto male. Questo è uno dei suoi primi (e non rari) inciampi, che non saranno pochi anche se attutiti dalla benevolenza di certa stampa amica. Berlusconi sta utilizzando con cinismo una tragedia come il terremoto in Abruzzo per i propri fini politici. Il 25 aprile lo trascorre, spiazzando tutti, in un piccolo paesino terremotato (Onna), il G8 lo fa all’Aquila “così i grandi del mondo potranno godere delle bellezze artistiche dell’Abruzzo! “. Ma l’opposizione?

Ora è confermato il grande bluff della Sassari – Olbia, con le gare per gli 8 lotti già bandite e le 100 imprese per ciascun lotto pronte a presentare l’offerta. Ma dinanzi a cotanto affronto e spudoratezza noi avremmo mobilitato la Sardegna intera e saremmo andati in massa, come fece Soru per le entrate della Regione, davanti a Palazzo Chigi (ma che dico, a Palazzo Grazioli!) e avremmo stanato il suo prestigioso inquilino. Quel tale simile al Woland di Michail Bulgakov del bellissimo romanzo “Il Maestro e Margherita” che vi invito a leggere se già non lo avete fatto, e se lo avete letto, rileggetelo. Vi troverete una straordinaria rassomiglianza tra il Woland del romanzo, che voleva affermare nel mondo i valori del Male autentico, e il nostro irripetibile ed attuale Capo del Governo.

Tornando a Cappellacci….non se ne hanno notizie! Lo si è visto a Palazzo Grazioli, la nuova sede del Governo italiano, a prendere ordini da Berlusconi. Perchè non conta un bel niente e la Sardegna con lui conta la metà della metà di quando governava Soru. Noi più anziani, acciacchi permettendo, riballeremo il twist degli anni ’60, quello di Modugno che faceva “…Selene ene a’, come è bello stare qua, il peso sulla Luna è la metà della metà….”, solo che dovremo adattare il testo agli ultimi eventi della nostra Isola.

Berlusconi lo vogliono gli italiani e i sardi come e più degli italiani. E i maddalenini ancor più di tutti. Se lo tengano. Siamo in pieno regime, tra poco più di un anno potrebbe arrivare al 70 per cento”..

Fine dello sfogo con un amico e un impegno. Con pazienza e il solito impegno lavoreremo perchè a quel quel 70% Woland – Berlusconi non arrivi mai. Anzi cercheremo di ricacciarlo sotto il 50% perchè non nuoccia più. E con lui il “suo” Cappellacci, l’uomo delle delibere virtuali. L’ultima, quella del 20 aprile 2009 dal titolo profetico “…… Reperimento risorse per evento G8: prolungamento pista di volo e spostamento SS 125 – Aeroporto “Olbia – Costa Smeralda” con uno stanziamento urgente (!) di 2.840.000 euro “disponibili” come si legge nella fantastica deliberazione “a seguito dell’approvazione definitiva della manovra di bilancio 2009 attualmente all’esame del Consiglio Regionale” . Non siamo su “scherzi a parte”, siamo a Cagliari in Viale Trento, sede della Giunta regionale, era Berlusconi- Cappellacci, dove Il bilancio è un optional!

cappella1

bee1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Da Sardegna Democratica

Oggetto: EMAIL PER ANNOZERO!

Vi rendo partecipi anche di un’altra importante iniziativa: scriviamo tutti un’email a annozero@rai.it per chiedere come cittadini sardi una puntata riparatrice a quella sulla Sardegna di qualche mese fa, in cui Soru è stato più volte tirato in ballo, ma non era presente né lui, né nessun rappresentante politico sardo; c’erano invece il disONOREVOLE Lupi e la Santachè. La puntata deve essere anche sullo spostamento del G8. Chiediamo che Renato Soru sia ospite in studio, dato che insieme a Romano Prodi aveva iniziato a progettare quest’incontro. SCRIVIAMO NUMEROSI!!

°°° Mi sembra una iniziativa da sposare. Che ne dite? Io ho già scritto:

—– Original Message —–
From: “abarossa”
To:
Sent: Saturday, April 25, 2009 6:23 PM
Subject: Cari amici

> Vi scriviamo per chiedere come cittadini sardi una puntata riparatrice a
> quella sulla Sardegna di qualche mese fa, in cui Soru è stato più volte
> tirato in ballo, ma non era presente né lui, né nessun rappresentante
> politico sardo; c’erano invece il disONOREVOLE Lupi e la plastificata
> Santachè. La puntata deve essere anche sullo spostamento del G8. Chiediamo
> che Renato Soru sia ospite in studio, dato che insieme a Romano Prodi aveva
> iniziato a progettare e a finanziare il summit. Grazie per l’attenzione
>
> Lucio Salis
> www.cappittomihai.com
>

santoro23

prodi

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

E speriamo…

Roma, 18:00
TERREMOTO: ENNESIMO EVENTO SISMICO IN ABRUZZO

Nell’ambito dello sciame sismico in corso nell’aquilano una nuova replica e’ stata avvertita dalla popolazione. Le localita’ prossime all’epicentro sono Rocca di Cambio, Rocca di Mezzo, Villa S.Angelo. Secondo i rilievi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico e’ stato registrato alle 17.14 con magnitudo 4.0. Lo rende noto la Protezione Civile.


°°° Speriamo che per il G8 scippato ai sardi e alla Sardegna (compresi i 600 milioni di euro lasciati da Prodi e Soru) sia la sua tomba. Non potrebbe arrivare una bella scossa magnitudo 7.0 che gli rovini qualche costruzione posticcia dei suoi sodali sul testone pieno di merda?

L AQUILA - TERREMOTO IN ABRUZZO - SILVIO BERLUSCONI TRA I TERREM

b-blabla6

bpesto1

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

SCIPPO!!!


Berlusconi – Cdm, sì al decreto da 8 miliardi
“Il G8 sarà spostato all’Aquila
Risparmieremo 220 milioni”

°°° Quindi, con questa grande minchiata, Mafiolo opera un ennesimo scippo ai danni della Sardegna. Un vcero e proprio dispetto postumo a Prodi e Soru. Maaaaa… piccolo mafioso dimmmerda, e i 600 milioni stanziati da Prodi e da Soru per riattare gli edifici militari de la Maddalena e trasformarli in ricettività per i turisti? Ma figurarsi quanto se ne fotte lui! Pensa soltanto a fare l’ennesima passerella propagandistica. Io non lo so, ma da voci e rumors che mi arrivano alle orecchie… ho idea che il nano, in Sardegna, ci lasci prima o poi la ghirba.

ladro1

bcornuto3

apotropaico5

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter