Frodo Mondadori e il piccolo delinquente in agonia, scagazzato anche dai suoi servi.

Antonio Padellaro

Dove ci trascina il
Frodo Mondadori?

Nella Salò di Berlusconi i gerarchi fanno a gara nel compiacere le mattane del duce declinante e non c’è neppure una Claretta Petacci che lo aiuti (gratis) a non farsi troppo del male. La farsa del codicillo che doveva, oplà, rinviare alle calende greche il maxi-risarcimento a De Benedetti non ha resistito all’onda d’urto del ridicolo, sentimento che, più dello
Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Il gangster Berlusconi e i suoi reggicoglioni strapagati da noi

IMMUNITA’

Giustizia, pronto il nuovo lodo Alfano
Parlamentari, stop alle intercettazioni

Arriva al Senato lo scudo costituzionale per il premier. Il testo preparato da Quagliariello e Centaro, entro domani il ministro vede i capigruppo

di LIANA MILELLA (Rep)

ROMA – Nuovo lodo Alfano, in veste costituzionale, subito al Senato. Tra oggi e domani. Alfano riunisce i capigruppo e il testo sarà subito depositato. Ancora quindici giorni per la “grande grande grande” (come dice il Cavaliere) riforma della giustizia, per fare almeno la mossa di ascoltare l’opposizione e non contrariare Napolitano e l’appello alle “riforme condivise”. Subito le modifiche alle intercettazioni, con importanti

Continue reading

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

LODO E STAMPA ESTERA

La vicenda sulla stampa estera

NEW YORK TIMES – 7 ottobre
Italian Court Rejects Prime Minister’s Immunity
Italy’s top court ruled on Wednesday that a law granting Prime Minister Silvio Berlusconi immunity from prosecution violates the constitut

EL PAIS – 7 ottobre 2009
El Constitucional echa por tierra la ley de inmunidad que protege a Berlusconi
La decisión del tribunal italiano, por nueve votos a seis, abre la puerta al procesamiento de ‘Il Cavaliere’

LE MONDE – 7 ottobre 2009
La Cour constitutionnelle italienne invalide la loi d’immunité protégeant Berlusconi
La Cour constitutionnelle italienne a invalidé, mercredi 7 octobre, la loi d’immunité qui protégeait Silvio Berlusconi depuis son retour au pouvoir, en 2008

TIMES ONLINE – 7 ottobre 2009
Berlusconi faces fight for career as top Italian court strips PM of immunity
Silvio Berlusconi suffered perhaps the greatest setback in his long career today when Italy’s top court stripped him of immunity from prosecution

AL JAZEERA ONLINE – 7 ottobre 2009
Court ‘annuls Berlusconi immunity’
Italy’s constitutional court has annulled a law that protects Silvio Berlusconi, the country’s prime minister, and other senior officials from prosecution while they are in office

FINANCIAL TIMES – 7 ottobre 2009
Italian court rejects Berlusconi immunity
Italy’s highest court threw out a law granting Silvio Berlusconi, Italy’s prime minister, immunity from prosecution on Wednesday, a judicial source told Reuters.

THE GUARDIAN – 7 Ottobre 2009
Italian court rules Berlusconi’s immunity law unconstitutional
Judges reject prime minister’s act which would exempt him from facing a series of trials for fraud, tax evasion and bribery

BLOOMBERG – 7 Ottobre 2009
Berlusconi Immunity Law Struck Down by Italy’s Highest Court
Italy’s struck down an immunity law that has shielded Prime Minister Silvio Berlusconi from two corruption trials that he says are politically motivated

EL PAIS / 7 ottobre
El abogado de Berlusconi: “La ley es igual para todos, no su aplicación”
El Tribunal Constitucional italiano empezó a debatir ayer, bajo enormes presiones del Gobierno y sus medios y rodeado de gran expectación nacional e internacional, la ley conocida como Laudo Alfano, diseñada por los abogados del primer ministro, Silvio Berlusconi, para bloquear los procesos penales que pesan sobre el magnate milanés

THE TIMES / 7 ottobre
Berlusconi lawyers use ‘Animal Farm’ defence in plea to keep him above law
Silvio Berlusconi’s lawyers fought to save his political career yesterday by arguing that the law should regard him as “first above equals” and continue to protect him from prosecution.

THE TIMES / 7 ottobre
Silvio Berlusconi’s lawyer believes Italian President is above the law
It was an interesting piece of legal doublethink: although the law was equal for all, said Niccolo Ghedini, the wily and cadaverous personal lawyer for Silvio Berlusconi, “application of the law is another matter”.

THE TELEGRAPH / 6 ottobre
Silvio Berlusconi’s lawyers: Italian PM is above the law
Silvio Berlusconi’s lawyers said he should be considered above the law, as Italy’s highest court deliberated on whether legislation giving him immunity from prosecution is unconstitutional.

FINANCIAL TIMES / 6 ottobre
Italy’s top court weighs Berlusconi’s immunity
Silvio Berlusconi, Italy’s billionaire prime minister weakened by sex scandals and friction in his centre-right coalition, was on Tuesday night left waiting for a critical ruling by the constitutional court on whether he would continue to enjoy immunity from prosecution with two corruption trials pending against him

LE MONDE / 6 ottobre
La Cour constitutionnelle se penche sur l’immunité pénale de M. Berlusconi
Friedrich Nietzsche ne fait pas partie des auteurs de chevet de Silvio Berlusconi. Pourtant, c’est vers lui que ce dernier s’est tourné pour commenter, lundi 5 octobre, les motivations du jugement rendu par le tribunal de Milan condamnant la Fininvest, holding du président du conseil, à verser 749 995 millions d’euros de dédommagement à la CIR, le groupe de Carlo De Benedetti, éditeur des journaux d’opposition L’Espresso et La Repubblica

EL MUNDO / 6 ottobre
El TC italiano estudia la inmunidad de Berlusconi
Los quince magistrados que componen el Tribunal Constitucional de Italia abordan desde hoy el ‘Laudo Alfano’, la ley de inmunidad para los cuatro mayores cargos del Estado, en virtud de la cual han sido suspendidos los procesos judiciales contra el primer ministro, Silvio Berlusconi

THE GUARDIAN / 6 ottobre
Court considers stripping Silvio Berlusconi of immunity
Italian prime minister’s lawyer says Berlusconi should be considered ‘first above equals’ before the law

THE TELEGRAPH / 6 ottobre
Silvio Berlusconi could face new prosecutions if immunity lost
Italy’s embattled prime minister, Silvio Berlusconi, could face a raft of new prosecutions when the country’s highest court rules on Tuesday whether a law which shields him from criminal prosecution should be repealed.

SUD OUEST / 4 OTTOBRE
Le langage des gestes
La scène, dont cette photo témoigne, baigne dans un silence assourdissant. Personne n’ouvre la bouche, mais les expressions, les regards et les mains des trois protagonistes parlent bruyamment pour eux. Silvio Berlusconi est en train de prendre, avec Michelle Obama, une veste si magistrale qu’on en est gêné pour luI

EL PAIS / 4 OTTOBRE
El buscavidas de las gafas oscuras
Entre la abundante fauna vulgar y abrasada por el sol que puebla Berluscolandia, Flavio Briatore es probablemente el tipo más viscoso del catálogo

LE MONDE / 4 OTTOBRE
Les tensions s’exacerbent en Italie entre Silvio Berlusconi et les médias rebelles
Des dizaines, voire des centaines de milliers de manifestants étaient attendus, samedi après-midi 3 octobre, Piazza del Popolo, à Rome, à l’appel de la Fédération nationale de la presse, pour “défendre la liberté d’information”

EL SIGLO / 4 OTTOBRE
Bitácora del Presidente
Mientras en Panamá nos debatimos sobre la idoneidad o no de los nuevos personeros del gobierno entrante, en Italia, Silvio Berlusconi, su primer ministro, se debate entre hermosas mujeres para su gobierno

THE TIMES / 3 ottobre
Thousands to march on Rome in protest at Berlusconi’s press clampdown
Thousands of protesters are expected to march through Rome today to defend press freedom and demand answers from Silvio Berlusconi about his conduct

THE INDEPENDENT / 2 ottobre
Prostitute tells all about Berlusconi on live TV
Call-girl says Premier knew she had been paid for attending parties in Rome and Sardinia

THE TELEGRAPH / 2 ottobre
Patrizia D’Addario claims Silvio Berlusconi knew she was a prostitute
The call-girl who allegedly slept with Silvio Berlusconi has claimed that the prime minister was well aware that she was a prostitute, during her first interview on Italian state television

THE GUARDIAN / 2 ottobre
Patrizia D’Addario: Silvio Berlusconi knew I was an escort
Live television interview with escort at centre of sex scandal adds to pressure on Italian prime minister

NEW YORK TIMES / 2 ottobre
Woman Says Berlusconi Knew She Was Prostitute
The woman at the centre of a scandal involving Prime Minister Silvio Berlusconi added a new twist to the saga that has riveted Italians, saying he knew she was a prostitute when she spent the night with him.

NEW YORK TIMES / 2 ottobre
Woman Says Berlusconi Knew She Was Prostitute
The woman at the centre of a scandal involving Prime Minister Silvio Berlusconi added a new twist to the saga that has riveted Italians, saying he knew she was a prostitute when she spent the night with him.

THE ECONOMIST / 1 ottobre 2009
Muzzling the messengers
ON OCTOBER 3rd a demonstration will be held in Rome to defend media freedom not in a remote dictatorship, but in Italy itself.

EL PAIS / 1 ottobre
Berlusconi declara la guerra a la RAI
Los medios de Il Cavaliere llaman a no pagar el canon de la televisión pública italiana tras la emisión de unas declaraciones de la prostituta Patrizia D’Addario

LA REPUBBLICA
Economist: “Come con Mussolini museruola a chi informa”
Durissimo attacco del settimanale britannico: “I giornalisti hanno ragione a preoccuparsi e protestare. Italia democrazia fragile, come all’Est”

TIMES / 28 Settembre
Silvio Berlusconi targets Michelle Obama in new ‘suntan’ gibe
Most world leaders try to avoid repeating the same gaffe twice. Not Silvio Berlusconi. The Italian Prime Minister has called President Barack Obama “tanned” again, but this time he did miss the opportunity to joke about the First Lady’s skin colour as well.

TELEGRAPH.CO.UK / 27 settembre
Silvio Berlusconi calls Barack Obama tanned – again
Silvio Berlusconi, Italy’s gaffe-prone prime minister, has again referred to US President Barack Obama as “suntanned”, days after being snubbed by Michelle Obama at the G20 meeting in Pittsburgh.

LE MONDE / 27 settembre
Berlusconi évoque à nouveau le “bronzage” d’Obama
Le chef du gouvernement italien Silvio Berlusconi a qualifié dimanche le président américain Barack Obama et sa femme Michelle de “bronzés”, dans un discours prononcé à l’occasion de la fête de son parti à Milan, reprenant une plaisanterie qui avait indigné l’opposition.

LA NACION / 27 settembre
A las italianas no las escandalizan los affaires de Berlusconi
Los escándalos de “papi”, como se lo llama ahora al premier italiano, Silvio Berlusconi, que se autoelogia como el mejor de los latin lovers y que en los últimos meses ha creado gran revuelo en todo el mundo por su desenfrenada vida sexual, no han provocado en Italia ninguna rebelión femenina

INDEPENDENT.IE / 27 settembre
Post-scandal Silvio meets with Pope
Italian Premier Silvio Berlusconi yesterday had his first meeting with Pope Benedict XVI since the Italian leader was implicated in a sex scandal that broke last spring

LE FIGARO / 26 settembre
Michelle Obama garde ses distances avec Berlusconi
Des bises et des embrassades pour les Sarkozy et les Brown ou Angela Merkel mais pas pour Silvio Berlusconi. La presse anglo-saxonne épingle avec humour l’accueil plus réservé qu’a offert jeudi soir Michelle Obama au président du Conseil italien à Pittsburgh. Alors que Silvio Berlusconi ouvre chaleureusement les bras à l’approche de la première dame américaine comme pour lui donner l’accolade, l’épouse de Barack Obama lui tend simplement la main. Le tout sous l’œil attentif de son époux.

EL PAIS / 23 SETTEMBRE 2009
Berlusconi redobla sus ataques contra la prensa
La batalla política en Italia sigue jugándose entre Silvio Berlusconi y la prensa. El primer ministro atacó ayer de nuevo a los periodistas, y tras la reunión del Consejo de Ministros anunció que su Gobierno no responderá a “preguntas de cotilleo”

LE TEMPS / 22 settembre
Silvio Berlusconi pris sur «Le Fait»
Plusieurs journalistes, parmi les plus pugnaces, lancent à partir de mercredi un nouveau quotidien, «Il Fatto», qui entend répondre aux attaques du Cavaliere contre la presse d’opposition

DER STANDARD / 21 settembre
Berlusconi-Kritiker Travaglio gründet neue Zeitung
Ein Journalisten-Team um den bekannten Kritiker des italienischen Ministerpräsidenten Silvio Berlusconi, Marco Travaglio, trotzt der Krise in der Medienbranche und gründet eine neue Tageszeitung.

DIE WELT / 21 settembre
Der Herbst des Sultans
Eine Sommerpause hat es für Silvio Berlusconi in diesem Jahr nicht gegeben.Er hat sie sich nicht gegönnt.Luxuriös ausspannen, das war einmal – obwohl er zuletzt gerade für seine rauschenden Feste noch einmal neu berühmt geworden war. Sind ihm die Partys inzwischen vielleicht vergällt geworden? Das würde Italiens schillernder Premier weit von sich weisen

THE OBSERVER / 20 SETTEMBRE 2009
‘Sexist’ Berlusconi faces the backlash of Italian women’s anger
A new generation of Italian women are finding a voice after a ‘summer of sleaze’ in Italian politics

EL PAIS / 20 SETTEMBRE 2009
Italia empieza a preparar el ‘día después’ de Berlusconi
El romance del líder con los votantes se agota – Los partidos toman posiciones para el relevo

20MINUTOS.ES / 18 settembre
La prensa italiana protesta contra Berlusconi por llamar a todos los periodistas “canallas”
El diario italiano La Repubblica ha pedido a los periodistas italianos y a sus lectores que les envíen una foto suya con un cartel que diga “Yo también soy un canalla”

LE MONDE / 18 SETTEMBRE
Une soirée particulière
Mardi en Italie, une émission a été déprogrammée à la demande du président du conseil, Silvio Berlusconi, de manière à lui assurer une forte audience sur une autre chaîne de télévision. Vous n’y croyez pas?

LES TEMPS / 18 SETTEMBRE
Berlusconi fait déprogrammer des talk-shows
Une manifestation pour défendre la liberté de la presse a été renvoyée à plus tard en mémoire des soldats italiens tués en Afghanistan

EL PERIODICO / 18 SETTEMBRE
La prensa internacional protesta contra Berlusconi en Bruselas
Tres organizaciones denuncian la ofensiva del Gobierno italiano para acallar los diarios. Los periodistas portan una pegatina a favor de la libertad de información

LE MONDE / 16 settembre 2009
Questions d’honneur
Directeur de «La Repubblica», Ezio Mauro est en première ligne face à Silvio Berlusconi. Visé par une plainte pour diffamation du chef du gouvernement italien, il se défend de toute intention politique et assure ne faire que son travail

FINANCIAL TIMES / 16 settembre
A serious soap opera
Trembling with excitement, the 19-year-old party activist leaps to her feet as Silvio Berlusconi finally enters the outdoor arena in Rome to the applause of a crowd that has been waiting more than an hour as the sun sets behind the nearby Colosseum.

FINANCIAL TIMES / 15 settembre
Italy hits at attacks by dark forces
Franco Frattini, Italy’s foreign minister, insists that the scandals surrounding the private life of Silvio Berlusconi, the prime minister, have not had a direct influence on Italy’s foreign policy but warns that rivals on the international scene are trying to exploit his troubles for their own ends.

TELEGRAPH / 15 settembre
Italy’s speaker to sue Silvio Berlusconi newspaper
Gianfranco Fini, Italy’s speaker of parliament, has announced that he is suing a newspaper owned by Silvio Berlusconi’s family over allegations of involvement in a sex scandal

La vicenda sulla stampa estera

TIME / 14 settembre
How Has Berlusconi Survived His Sex Scandal?
Silvio Berlusconi’s struggle to outrun revelations about his private life has kept headline writers from Tallahassee to Tokyo busy for nearly six months now. The latest chapter began on Sept. 8, with the leaked court testimony of a Bari businessman accused of bringing prostitutes to the Italian Prime Minister’s private residence in Rome

LIBERATION / 12 settembre
Berlusconi mis sous presse
«La Repubblica» ne lâche pas. En interpellant quotidiennement le chef du gouvernement sur ses frasques, le quotidien de centre gauche s’attire les foudres du tycoon des médias

LE MONDE / 12 settembre
Berlusconi et les médias, ou la démocratie à l’agonie, par Fabrizio Tonello
Pour bien saisir la situation italienne, il faut se figurer un homme politique français qui soit à la fois propriétaire de TF1, de France 2 et de M6, capable de nommer ses fidèles à la tête de Radio France et du reste du service public

LE MONDE / 12 settembre
Quand Marina Berlusconi vante les qualités de son père
Il y a deux façons d’aimer son père. Marina Berlusconi, 43 ans, la fille aînée du premier mariage de Silvio Berlusconi, a choisi la plus directe en condamnant les attaques “indignes et honteuses” contre le président du conseil, empêtré dans des scandales privés

LE MONDE / 12 settembre
Basta, Cavaliere!
En décidant d’attaquer pour “diffamation” deux quotidiens de centre gauche – La Repubblica et L”Unità – Silvio Berlusconi se révèle le pire avocat de sa cause

EL PERIODICO / 11 settembre
Berlusconi sonroja a Zapatero con un recital de mal gusto y machismo
El líder italiano citó sus supuestas relaciones con prostitutas ante el silencio del presidente español. «Las mujeres sois el mejor regalo que Dios nos ha dado», dijo el primer ministro a Salgado y Chacón

THE GUARDIAN / 11 settembre
Berlusconi admits suspected pimp brought women to his home
But Italian prime minister continues to laugh off claims of paid sex in return for political favours

EL CLARIN / 11 Settembre
Berlusconi: “Soy el mejor primer ministro de Italia en 150 años”
Se lo dijo el italiano a Zapatero, en una cumbre, donde volvió a criticar a la prensa.

LA VOZ DE GALICIA / 11 settembre
Berlusconi dice que es, con diferencia, «el mejor presidente de la historia italiana»
El mandatario respondió de forma irónica cuando se le preguntó si había pensado dimitir por los problemas que le rodean

WSJ EUROPE / 11 SETTEMBRE
Silvio Berlusconi and the Silencing of the Bulls
The Italian Prime Minister should let the press do its job.

LA RIOJA / 11 settembre
Sin remedio
La tardía aclaración del primer ministro italiano, Silvio Berlusconi, sobre su desafortunado comentario hacia el Gobierno paritario constituido por Rodríguez Zapatero tras las elecciones de 2008 pareció ayer, más que una reacción oportuna, un gesto oportunista y confirmó la impresión de que es cada vez más complicado adivinar cuando ‘Il Cavaliere’ habla en serio y cuando bromea

EL PAÍS / 11 settembre
Mejor no frecuentarle
Berlusconi exhibe su confusión entre lo público y lo privado tras una reunión con Zapatero

EL PAÍS / 11 settembre
Amo conquistar. Si pagas, ¿qué gusto hay?
Transcripción del intercambio entre el primer ministro italiano y el corresponsal de EL PAÍS

EL PAÍS / 11 settembre
Berlusconi ante Zapatero: “Nunca he pagado por sexo. Amo conquistar”
El primer ministro se declara “el mejor” en la historia de Italia, califica de “calumnias” sus escándalos y vuelve a atacar a EL PAÍS

IRISH EXAMINER / 11 settembre
Berlusconi: I’ve been the best premier in Italy’s history
Brushing off questions about any possible resignation, Italian Premier Silvio Berlusconi insisted yesterday that he’s been Italy’s best premier ever and said he was considering suing the woman at the centre of his sex scandal

THE WALL STREET JOURNAL / 11 settembre
Berlusconi Rejects Swipes at His Lifestyle
Italian Prime Minister Silvio Berlusconi on Thursday rejected criticism that his government had been weakened by months of scrutiny over his personal life, and defended his penchant for “beautiful women.”

INDEPENDENT.IE / 11 settembre
Berlusconi admits pimp brought women to home
Silvio Berlusconi admitted for the first time yesterday that Giampaolo Tarantini, the Bari businessman who is under investigation over drugs and prostitution, had taken “beautiful women” to his parties

LOS ANGELES TIMES / 11 settembre
Italy political scientist likens Berlusconi to a sultan
Giovanni Sartori says Prime Minister Silvio Berlusconi is ‘from show business’ and his vast media holdings mean many Italians go uninformed about his scandals, including those involving young women

LE MONDE / 10 settembre
Silvio Berlusconi et la presse : la “stratégie de la tension”, par Philippe Ridet
En choisissant de poursuivre en justice pour “diffamation” les quotidiens de gauche La Repubblica (à qui il réclame 1 million d’euros) et L’Unita (3 millions d’euros), Silvio Berlusconi, empêtré dans le feuilleton des révélations sur sa vie privée, poursuit et amplifie une stratégie d’intimidation commencée dès son retour au pouvoir, en mai 2008.

THE AUSTRALIAN / 10 settembre
Silvio Berlusconi sools his paper on to ally
CIVIL war has broken out in the Italian government after Silvio Berlusconi’s mouthpiece newspaper attacked his main political ally, calling him “ridiculous” and a tool of the Left.

THE GUARDIAN / 10 settembre
Italian businessman claims he provided women for parties held by Berlusconi
In five months, some 30 women were procured for parties given by Italy’s prime minister, Silvio Berlusconi, according to a statement to police by the businessman who supplied them. Extracts published today in the newspaper Corriere della Sera identified by name at least half a dozen women who stayed the night at Berlusconi’s Rome residence.

DAILY MAIL / 10 settembre
Berlusconi and his growing gallery of party girls…
In the space of five months Silvio Berlusconi is said to have attended 18 parties packed with beautiful women

IRISH TIMES / 10 settembre
Public interest in Berlusconi soap opera shows no sign of abating
Letter from Rome: the Italian PM’s alleged womanising may eventually reduce him to international ridicule, writes PADDY AGNEW

EL PAIS / 10 settembre
Un amigo de Berlusconi le montó 18 fiestas con prostitutas
“La prostitución y la cocaína son los ingredientes para tener éxito en la sociedad”. Eso le dijo Gianpaolo Tarantini, empresario de Bari y amigo de Silvio Berlusconi, al magistrado de su ciudad Giuseppe Scelsi, que le investiga por corrupción e inducción a la prostitución. Tarantini declaró cinco veces ante el juez entre el 27 y el 31 de julio

LA VOZ DE GALICIA / 10 settembre 2009
Tarantini organizó 18 fiestas con 30 chicas para Berlusconi

El empresario quería así obtener favores y contratos del gobernante

EL MUNDO / 9 settembre
Chicas para Berlusconi a cambio de favores políticos
Chicas a cambio de contratas públicas, de favores políticos. Ése es el objetivo confeso que perseguía el empresario Gianpaolo Tarantini al organizar guateques erótico-festivos para Silvio Berlusconi y otros políticos italianos, como el entonces presidente de la región de Puglia Sandro Frisillo, de centroizquierda.

EL COMERCIO / 7 settembre
“Berlusconi es dulce”
La joven Noemi Letizia, cuyo nombre se hizo famoso después de que el primer ministro italiano, Silvio Berlusconi, acudiera a la fiesta por su 18 cumpleaños, explicó que puso al mandatario el apodo de ‘Papi’ porque es dulce, y negó ser la causa del divorcio de su esposa, Veronica Lar

CLARIN / 7 settembre
La Iglesia intenta recomponer las relaciones con Berlusconi
El Papa recibió a un asesor del premier, jaqueado por varios escándalos sexuales

SBS WORLD NEWS AUSTRALIA / 7 settembre
Teen denies breaking up Berlusconi marriage
The teenager at the heart of PM Silvio Berlusconi’s marital woes has denied any responsibility in the break-up of his marriage, in a television interview

El Siglo / 6 settembre
Bitàcora del Presidente
Mientras en Panamá nos debatimos sobre la idoneidad o no de los nuevos personeros del gobierno entrante, en Italia, Silvio Berlusconi, su primer ministro, se debate entre hermosas mujeres para su gobierno. Es que en Italia, con un acaudalado multimillonario en el poder, son los caprichos y las privaciones del jefe de gobierno lo que hace noticia en los medios. Silvio Berlusconi es uno de los hombres más ricos del mundo. Decidió incursionar en la política.

The Sunday Telegraph / 6 settembre
Berlusconi to give evidence in court against impotency claims
Italy’s prime minister, Silvio Berlusconi, is prepared to go to court to testify that claims that he is impotent are false

The Sunday Telegraph / 6 settembre
Don’t blame Silvio Berlusconi, says Umberto Eco, it’s the fault of all Italians
Umberto Eco, author, critic and philosopher, says Italians have all allowed Silvio Berlusconi to have his way

Time / 6 settembre
In Italy, an offended Berlusconi goes on the offensive
If politics is poker, the best players know when to double down and when to cut their losses. For Italian Prime Minister Silvio Berlusconi, a sex scandal that had dogged him for months seemed to be finally quieting by late July. Though his reputation was stained, his popularity was solid and it seemed time to put the controversy behind him and get back to trying to run the country.

Dailymail / 6 settembre
I call Silvio my Daddy because he’s so sweet

The 18-year-old lingerie model breaks her silence over the Italian PM

The Guardian / 4 settembre
The Gaddafi-Berlusconi connection
There is more to the two leaders’ chumminess than political expediency – the pair have a common business interest

The Economist / 3 settembre
Superman strikes back
“I’M NOT only not sick,” said Silvio Berlusconi on September 1st, referring to a hint by his estranged wife. “I’m a Superman!” Like the comic-book hero, Italy’s prime minister has been lashing out at his tormentors three months after being thrown on the defensive by a sex scandal.

Le Monde / 5 settembre
Les frasques de Silvio Berlusconi embarrassent le Vatican et l’Eglise italienne
Le clan Berlusconi a-t-il remporté sa première bataille dans le conflit qui l’oppose, ces dernières semaines, à l’Eglise catholique ? L’annonce, jeudi 3 septembre, de la démission du directeur du journal de l’épiscopat italien, Avvenire, qui mène la charge contre les frasques du chef de gouvernement italien, semble l’attester.

The Sunday Morning Herald / 5 settembre
Mass media mayhem as Berlusconi lashes foe
A HISTORIC – and potentially disastrous – schism has opened between church and state in Italy after the embattled Prime Minister, Silvio Berlusconi, used a newspaper owned by his brother Paolo to stage a virulent attack on the editor of the nation’s main Catholic newspaper.

The Age / 5 settembre
Besieged Berlusconi hits out at the church
A HISTORIC and potentially disastrous schism has opened between church and state after embattled Italian Prime Minister Silvio Berlusconi used a family newspaper to launch a virulent attack against the editor of the nation’s main Catholic newspaper.

Tribune de Geneve / 5 settembre
L’Italie est minée par la «Videocracy»
«Le pouvoir de la télévision devient presque surnaturel en Italie», déclare Erik Gandini. Il n’y a pourtant pas de petits hommes verts au programme… Sur les trois chaînes nationales du groupe Mediaset, propriété privée de Silvio Berlusconi, paradent avant tout des corps féminins pailletés, huilés, emplumés ou, au contraire, déplumés. «Ces femmes semblent toutes sorties du même moule. Elles viennent faire leur parade en espérant épouser un footballeur.»

The Irish Times / 5 settembre
Berlusconi’s grip on media criticised
Italian prime minister Silvio Berlusconi’s grip on television in Italy is at the heart of Videocracy, a new documentary examining how his media empire has shaped information and culture in the country over 30 years.

EL PAIS / 5 settembre
“Berlusconi usa sus medios para tapar la boca a sus enemigos”
La Repubblica es blanco de la ofensiva de Silvio Berlusconi contra la prensa italiana crítica y la Iglesia. Su director, Ezio Mauro, dice que el primer ministro aspira al poder absoluto y que usa su imperio mediático para tapar la boca a sus enemigos.

GUARDIAN / 4 settembre
TV network’s attempt to stifle Silvio Berlusconi documentary backfires
Berlusconi-owned network’s refusal to screen trailer for critical documentary Videocracy results in surge of interest about the film

SIDNEY MORNING HERALD / 4 settembre
Ministers’ guide to surviving sex scandals
A ministerial resignation over a sex scandal prompts serious considerations over where to draw the line between public role and private life. Lines of principle become increasingly blurred but a key aspect of any scandal is that there is rarely a close correlation between the seriousness of the offence and the severity of the punishment. Political and media factors typically seem more important than legal and moral ones.

EL CLARIN / 4 settembre
Triunfo de Berlusconi: renuncia el director de un diario que lo criticó
En medio de un creciente enfrentamiento, el director del diario de los obispos italianos Avvenire renunció ayer imprevistamente a su cargo en forma “irrevocable” tras sufrir una ofensiva mediática victoriosa por parte del diario Il Giornale, de la familia de Silvio Berlusconi.

LA VANGUARDIA / 4 settembre
Berlusconi dice que ha sufrido una campaña difamación tras dimisión de Boffo
El primer ministro italiano, Silvio Berlusconi, dijo sobre la dimisión del director del Avvenire, Dino Boffo, que ha sido él mismo quien ha sufrido una campaña de difamación, informan los medios de comunicación italianos. “Lo lamento humanamente por él, pero no tengo nada que ver” con el caso del director del diario de los obispos, aseguró Berlusconi tras celebrar anoche el Consejo de Ministros.

SUEDDEUTSCHE ZEITUNG / 4 settembre
Unselige Wut
Berlusconi dreht auf: Keiner ist mehr sicher vor seiner beispiellosen Offensive. Nicht die Zeitungen, nicht die Europäische Union – und noch nicht einmal die katholische Kirche

EL PERIODICO DE CATALUNYA / 4 settembre
Concita De Gregorio: “Berlusconi todo lo compra; lo que no puede, lo acalla”
Desde el 2008 dirige L’Unità –el rotativo fundado en 1924 por Antonio Gramsci, uno de los padres del Partido Comunista Italiano–, al que Berlusconi demandó el miércoles por considerar difamatorios dos artículos publicados en julio y agosto. En ellos se habla sin tapujos de las fiestas sexuales del jefe de Gobierno, el mismo tema que ayer desencadenó la dimisión del director del diario de los obispos Avvenire, Dino Boffo.

WALL STREET JOURNAL / 4 settembre
Press War Fuels Row In Italy
An influential Roman Catholic newspaper editor who questioned the lifestyle of Italian Prime Minister Silvio Berlusconi resigned his post Thursday — a casualty of a bruising newspaper war that has opened a rift between the Vatican and the premier.

EL PAIS / 4 settembre
Peligro público
Desde el 14 de mayo el diario italiano La Repubblica publica cada día 10 preguntas dirigidas al primer ministro, Silvio Berlusconi, sobre distintas cuestiones cuyo hilo conductor es la relación entre sus comportamientos privados y sus responsabilidades públicas

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

BLA BLA BLA

A Montecitorio i sì sono stati 261 e 226 i no. Nove gli astenuti.
Il premier: “Entro il 30 novembre quindicimila persone avranno una casa vera”
Dl terremoto, ok della Camera
Il decreto adesso è legge

ROMA – La Camera ha approvato il disegno di legge di conversione del decreto terremoto per l’Abruzzo. Il testo, già approvato al Senato, è dunque legge. I sì sono stati 261 e 226 i no. Nove gli astenuti. “Entro il 30 novembre quindicimila persone avranno una casa vera, confortevole e addirittura ammobiliata – conferma Berlusconi – Mai in Italia, e nemmeno nel mondo, si è data una risposta così tempestiva a un’emergenza così grave. Ce lo riconoscono tutti”.

°°° E’ verissimo, lo riconosce tutto il mondo che questa è L’ENNESIMA CAZZATA DI MAFIOLO. Ormai lo conoscono e ridono, anche se sono tutti molto preoccupati per noi, per l’Europa e per il mondo intero. Se non sbaglio, aveva detto le stesse identiche stupidaggini dopo il sisma del 2002… e quelli stanno ancora per strada. Ma poi… aveva promesso le case a luglio, poi a settembre, poi a ottobre… campa cavallo! Il lodo alfano è passato in due settimane, per i terremotati ci sono voluti quasi TRE MESI solamente per emanare un decreto bluff SENZA UN CENTESIMO REALE! Gli unici soldi veri sono i 480 milioni della UE (se non se li sono già mangiati) e qualche milione dalle sottoscrizioni popolari. Silvio i soldi che c’erano li ha regalati alla chiesa miliardaria e ai ricchi evasori fiscali, con l’abolizione dell’Ici, e ai suoi faccendieri amici della truffa Alitalia. Saranno contenti i trentamila sfollati delle tendopoli, che sono passati da meno dieci gradi a più 40. E quelli che stanno da amici o negli alberghetti della costa? E… quanti sono ospiti nelle sue case? Prosit.

aquila_chiesa01g1

b-blabla1

pupazzo2

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Ero sempre in prima fila…

… oggi non mi permettono più nemmeno di contestare.

Roma, 13:55
INTERCETTAZIONI: FNSI, A ROMA UNO SPETTACOLO DI PROTESTA

Al teatro Ambra Jovinelli di Roma va in scena domani ‘In galera! Gli articoli che potremmo non leggere piu”, uno spettacolo-manifestazione gratuito con attori e giornalisti contro il ddl Alfano, per dimostrare nel modo piu’ evidente i guasti che il ddl Alfano licenziato dalla Camera porterebbe al sistema dell’informazione democratica dei cittadini se il testo venisse approvato anche dal Senato. La performance promossa da Unci, Fnsi e Ordine dei giornalisti, iniziera’ alle 21. Attori, uomini di spettacolo, giornalisti e rappresentanti del mondo sindacale e della societa’ civile si alterneranno ai microfoni per leggere brani delle intercettazioni che hanno consentito ai magistrati di scoprire e agli italiani di conoscere i maggiori scandali degli ultimi anni, dalle razzie economico-finanziarie, alle truffe ai danni dello Stato, dalla sanita’ malata al malaffare dello smaltimento rifiuti. Reati, scandali, ruberie, si legge nel comunicato stampa, che i magistrati avrebbero moltissima difficolta’ a scoprire, reprimere e punire se le norme del ddl Alfano diventassero legge perche’ verrebbero privati della piu’ efficace arma di indagine, dato che le intercettazioni diventerebbero quasi impossibili. Reati pubblici e privati di cui i cittadini, prosegue la nota stampa, non verrebbero piu’ a conoscenza perche’ il testo punta a impedire che i giornalisti possano riferire gli sviluppi delle indagini giudiziarie in modo corretto, compiuto e tempestivo. Tutto il mondo del giornalismo e’ impegnato da un anno a contrastare queste norme liberticide che allontanerebbero l’Italia dall’Europa comprimendo in modo inaccettabile la liberta’ d’informazione.

babbuino

bervattene1

b-uffone3

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Marco Travaglio

(da L’Unità)

Lodo Pisello

Chi pensava, anzi sperava, che i talloni d’Achille di Al Tappone fossero la mafia, le tangenti, i fondi neri, i conflitti d’interessi, aveva sopravvalutato l’Italia e gli italiani. Ora che l’”utilizzatore ultimo” sprofonda per gli eccessivi “quantitativi di donne” (secondo le poetiche definizioni ghediniane), chiediamo umilmente scusa a un paese ridotto a un film minore di Alvaro Vitali per esserci troppo occupati delle quisquilie di cui sopra. Là dove non poterono le ultime parole di Borsellino e le indagini di valorosi pm milanesi e siciliani, potranno forse gli stock di signorine a tassametro traghettate da un fabbricante di pròtesi nelle magioni del Premier Utilizzatore su mezzi aerei e nautici degni dello sbarco in Normandia; e la candid camera di una delle “utilizzate”, sfuggita alla formidabile security di Palazzo Grazioli. Ogni epoca ha il 25 luglio che si merita. Restano da capire alcuni particolari: 1) chi saranno il Dino Grandi e il Galeazzo Ciano di questo film dei Vanzina che si sta girando fra Palazzo Grazioli e Palazzo Chigi; 2) che ne sarà della Guardia Repubblicana alla caduta del satrapo (l’altreoieri Ostellino lo paragonava a Cavour, mentre Chirac raccontava le visite guidate ai bidet di Villa Certosa, accompagnate da apprezzamenti berlusconiani sulle “chiappe” che vi si erano posate); 3) con quali leggi ad personam, anzi ad pisellum, Al Tappone conta di salvarsi dall’inchiesta di Bari. Essendo stato intercettato non da una toga rossa, ma da un’amica escort armata di cellulare, abolire le intercettazioni non basta più. Bisogna abrogare i telefonini.

bduce5

bervattene

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Er magnaccione

Da Repubblica

La nota del premier dopo le rivelazioni su un’inchiesta della
procura di Bari che indaga per induzione alla prostituzione

Berlusconi, nuovo attacco ai giornali
“Spazzatura, non mi condizionerà”
In alcune intercettazioni imprenditori parlerebbero di soldi versati a ragazze
per partecipare a feste nelle abitazioni sarde e romane del presidente del Consiglio

Silvio Berlusconi

b-magnaccia

ROMA – “Ancora una volta si riempiono i giornali di spazzatura e di falsità. Io non mi farò certo condizionare da queste aggressioni e continuerò a lavorare, come sempre, per il bene del Paese”. Questa volta a far arrabbiare Silvio Berlusconi, che in una dichiarazione diffusa oggi attacca nuovamente la stampa, è il Corriere della Sera, con le notizie, riportate in prima pagina, sull’inchiesta della procura di Bari relativa ad appalti nel settore sanità concessi in cambio di mazzette, con intercettazioni nelle quali alcuni imprenditori coinvolti parlerebbero di soldi versati a ragazze per partecipare a feste nelle abitazioni romane e sarde di Silvio Berlusconi.

Il titolare di un’azienda, la Tecnhospital – società barese che si occupa della fornitura di tecnologie ospedaliere, su cui la procura indaga per stabilire se sia stata favorita negli appalti – avrebbe avuto rapporti con Berlusconi nel corso degli anni, riferisce il Corriere. E in alcuni colloqui telefonici, l’imprenditore avrebbe parlato delle feste, cui era invitato del premier, e avrebbe tenuti i contatti con ragazze che venivano invitate a partecipare a questi eventi nelle residenze di Berlusconi, con riferimenti anche al versamento di soldi a quelle che decidevano di andare, tutti da verificare.

Il quotidiano intervista inoltre una ragazza, Patrizia D’Addario, che racconta (sostenendo di avere registrazioni che lo provano) di aver ottenuto denaro e una candidatura alle elezioni baresi dopo due feste a palazzo Grazioli. La D’Addario, candidato consigliere comunale per la lista “La Puglia prima di tutto”, che appoggia il candidato sindaco del Pdl Di Cagno Abbrescia, dice di poter provare la sua presenza a Palazzo Grazioli. Una delle due occasioni fu la sera dell’elezione di Barack Obama.

Dice poi di essere stata pagata per andare a Roma e di aver incontrato il premier insieme ad altre ragazze. “Un mio amico di Bari mi ha detto che voleva farmi parlare con una persona che conosceva, per partecipare ad una cena che si sarebbe svolta a Roma. Io gli ho spiegato che per muovermi avrebbero dovuto pagarmi e ci siamo accordati per 2.000 euro. Allora mi ha presentato un certo Giampaolo”, dice la D’Addario. Arrivata a Roma, sostiene di essere stata prelevata da un autista e portata da Giampaolo. “Con lui e altre due ragazze siamo entrati a Palazzo Grazioli in una macchina coi vetri oscurati. Mi avevano detto che il mio nome era Alessia”, racconta ancora al Corriere. Poi “siamo state portate in un grande salone e lì abbiamo trovato tante ragazze, saranno state una ventina. Come antipasto c’erano pezzi di pizza e champagne. Dopo poco è arrivato Silvio Berlusconi”. La D’Addario dice di aver ricevuto solo 1.000 euro dei 2.000 pattuiti “perché non ero rimasta”.

La seconda volta, invece, sostiene di essersi trattenuta. “E’ stato sempre Giampaolo a organizzare tutto… Con l’autista ci ha portato nella residenza del presidente, ma quella sera non c’erano altre ospiti. Abbiamo trovato un buffet di dolci e il solito pianista. Quando mi ha visto Berlusconi si è subito ricordato del progetto edilizio che volevo realizzare”, di cui avevano discusso la volta precedente, secondo quanto riferisce. “Poi mi ha chiesto di rimanere”, racconta.

Intanto, fonti ufficiose della Procura di Bari confermano che è in corso un’indagine per induzione alla prostituzione in luoghi esclusivi di Roma e della Sardegna. L’inchiesta, che coinvolge i responsabili della Technospital, Gianpaolo Tarantini ed il fratello Claudio, sarebbe scaturita da elementi acquisiti nell’ambito di accertamenti per presunti episodi di corruzione relativi a forniture di protesi.

Nell’inchiesta si ipotizza che l’imprenditore abbia contattato e inviato in residenze private alcune ragazze. Il titolare delle indagini è il pm Giuseppe Scelsi, che nell’inchiesta originaria ipotizza i reati di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione. Queste ipotesi criminose vengono contestate ai due imprenditori in concorso con Silvia Tatò, titolare di alcuni centri di riabilitazione, e a Vincenzo Patella, primario di ortopedia del Policlinico di Bari.

Dal Corriere

I misteri, i sospetti e le intercettazioni dell’inchiesta di Bari
Un imprenditore pugliese al telefono parla di feste con le ragazze dal premier

Appalti nel settore della sanità concessi in cambio di mazzette. Sarebbe questa l’inchiesta che agita e rafforza l’idea del «complotto» nell’entourage del presidente del Consiglio. Nel corso dell’indagine sarebbero state infatti intercettate conversazioni che riguardano alcune feste organizzate a palazzo Grazioli e a Villa Certosa. E i personaggi coinvolti avrebbero fatto cenno al versamento di soldi alle ragazze invitate a partecipare a queste occasioni mondane. Gli accertamenti su questo fronte sono appena all’inizio, ma le voci corrono velocemente.

Dunque non si esclude che possa essere proprio questa la «scossa al gover­no» della quale ha parlato domenica scorsa Massimo D’Alema per invitare l’op­posizione «a tenersi pron­ta». Del resto due giorni fa era stato lo stesso ministro per i Rapporti con le Regio­ni, Raffaele Fitto, pugliese doc, a chiedere con una di­chiarazione pubblica a qua­li informazioni avesse avu­to accesso D’Alema, paven­tando così il sospetto che si riferisse proprio ad un’in­dagine condotta a Bari. Gli accertamenti sono stati avviati qualche mese fa e riguardano l’attività di un’azienda, la Tecnohospi­tal che si occupa – come è ben evidenziato anche nel suo sito internet – di «tec­nologie ospedaliere». A gui­darla sono due fratelli, Giampaolo e Claudio Taran­tini, che qui in città sono molto conosciuti. Impren­ditori che nel giro di pochi anni hanno fatto crescere la propria azienda fino ad ottenere numerose com­messe.

Ed è proprio su que­sto che gli ufficiali della Guardia di Finanza hanno cominciato a svolgere veri­fiche. L’obiettivo è quello di stabilire se la ditta sia sta­ta favorita negli appalti, da qui l’ipotesi investigativa di corruzione. Giampaolo è noto anche a Porto Rotondo, dove tra­scorre le estati in una splen­dida dimora che si trova non troppo distante da Vil­la Certosa. Con Silvio Berlu­sconi avrebbe avuto rap­porti nel corso degli anni. E sarebbe proprio lui ad avere parlato, durante alcu­ni colloqui telefonici, delle feste alle quali era stato in­vitato dal premier. In particolare sarebbero stati captati diversi contat­ti con ragazze che veniva­no invitate a recarsi nelle residenze di Berlusconi per partecipare a questi eventi.

A suscitare l’interesse dei magistrati è stato il riferi­mento al versamento di sol­di alle donne che accettava­no di partecipare. Bisogna infatti verificare se si tratti di una millanteria o se inve­ce possano esserci stati epi­sodi di induzione alla pro­stituzione. Gli accertamen­ti su questo aspetto dell’in­chiesta sono appena all’ini­zio. Si parla di alcune ragaz­ze che sarebbero state con­vocate in Procura come per­sone informate sui fatti, ma nulla si sa sull’esito di questi interrogatori. Si tratta comunque di una inchiesta destinata a far rumore e infatti dopo la sortita di Massimo D’Ale­ma si sono rincorse voci e indiscrezioni sulla possibi­lità che l’indagine potesse avere sviluppi immediati. Un’inchiesta che però ali­menta i sospetti denunciati dal Cavaliere in questi gior­ni di tentativi giudiziari di indebolirlo.

Fiorenza Sarzanini

°°° Ma quali falsità?! L’unico falso, ipocrita, malavitoso, pericoloso e dittatore è proprio lui: lo gnomo malato silvio burlesuoni! E certo che, uno che ha trascorso l’intera miserabile vita nel malaffare e al di fuori da tutte le leggi, HA PAURA DELLE INTERCETTAZIONI! Altro che privacy… Ora sapete che succede? Il lodo alfano verrà spazzato via dalla Corte Costituzionale, mafiolo verrà condannato per corruzione giudiziaria (Mills), verrà processato per corruzione di minorenne e istigazione alla prostituzione (visto che è tutto provato e documentato) e… finalmente farà l’ingloriosa fine che merita. E noi ce lo saremo finalmente levato dai coglioni. EWWIWA!!!

OSPITI PREZZOLATE E FESTINI A VILLA CERTOSA

ospite

ospiti

ospiti1

osp-festino

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Grillo

Il comico è stato ascoltato in audizione dalla commissione affari Costituzionali di Palazzo Madama
per il ddl di iniziativa popolare sull’ineleggibilità dei condannati e la reintroduzione della preferenza
Grillo contro tutti, show al Senato
Agli atti ‘psiconano’ e ‘zoccole’

“Avete approvato il lodo Alfano per evitare la galera a Berlusconi ora volete limitare il diritto del cittadino
ad essere informato. Siete illegali, incostituzionali ed antidemocratici. Dimettetevi al più presto

grillo

ROMA – Beppe Grillo approda in parlamento e il termine ‘psiconano’, che il comico genovese ha usato in tanti spettacoli e comizi di piazza per definire il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, è stato sdoganato nell’Aula del senato e finisce agli atti. Insieme alla parola ‘zoccole’. Come rappresentante dei promotori del disegno di legge di iniziativa popolare sull’ineleggibilità dei condannati e la reintroduzione della preferenza, Grillo è stato ascoltato in audizione dalla commissione affari Costituzionali di Palazzo Madama.

Beppe Grillo, in completo blu e camicia bianca con cravatta, si è presentato puntuale davanti ai senatori. “Voi non siete abituati ad ascoltare gente di spettacolo, e io non sono abituato a voi”, ha subito premesso, prima di iniziare a leggere un testo dai toni durissimi. “Oggi viene approvata – ha sottolineato – una legge che limita le intercettazioni e mette il bavaglio all’informazione. Io sarò, presumo, il primo condannato perché farò disubbidienza civile. Il primo pensiero dello ‘psiconano’ non è il Paese, ma sempre e solo non farsi beccare. Avete approvato il lodo Alfano per evitare che Berlusconi finisse in galera, ora volete limitare il diritto del cittadino ad essere informato”.

Secondo Grillo, però, “la marea sta montando, lo ‘psiconano’ può fare comizi ormai solo nelle piazze chiuse, in cui fa entrare come a Firenze, come a Prato, solo la sua claque. Ha inventato la piazza chiusa, lo difendono la sua scorta e gli avvocati. Gli sono rimasti quelli, insieme a uno stuolo di giornalisti definiti servi dalla stampa estera. Gli italiani non stanno più con lui, e tantomeno con chi gli ha permesso come Violante e Fassino per 15 anni di superare ogni conflitto di interesse”.

“E’ veramente uno schifo – ha accusato il comico genovese – che tra i nostri rappresentanti ci siano condannati in primo grado, in secondo grado o indagati. Senatori come Cuffaro e Dell’Utri sono senatori per meriti giudiziari”.

“Questa Commissione, questo Parlamento, non hanno nulla a che fare – ha continuato Grillo – con la democrazia. Sei persone hanno deciso i nomi di chi doveva diventare deputato e senatore, hanno scelto 993 amici, avvocati e scusate il termine, qualche zoccola. E li hanno eletti. Li hanno eletti loro, non i cittadini, che non hanno potuto scegliere i loro rappresentanti”.

“Siete vecchi ed antistorici. Siete 20 e 18 di voi leggono i giornali. Voi andate da una parte e il mondo va dall’altra”, ha replicato Grillo ai senatori che gli chiedevano lumi sulla legge di iniziativa popolare. Parole del comico che non sono state gradite da Maria Teresa Incostante del Pd. “No senatrice non mi riferivo certo all’anagrafe. Voi – ha aggiunto Grillo – vi state informando sul ‘Il Resto del Carlino’ questo è il simbolo del vostro essere vecchi, mentre io mi informo sulla rete”.

“Questa commissione – ha rincarato la dose Grillo -, questo Parlamento, non hanno nulla a che fare con la democrazia. Cari membri della Commissione siete illegali, incostituzionali ed antidemocratici. Per rispetto a voi stessi e agli italiani dovreste dimettervi al più presto. Luigi De Magistris e Sonia Alfano sono due italiani per bene eletti da cittadini per bene. De Magistris ha avuto 450 mila voti, il secondo in Italia. La signora Alfano 165 mila voti, la prima donna in Italia, senza televisioni e senza giornali. Chi si è recato alle urne ha potuto sceglierli, perché questo non deve essere possibile anche per il Parlamento italiano?”.

“I partiti hanno occupato la democrazia – ha accusato ancora Grillo – E’ tempo che tolgano il disturbo. La politica non è un mestiere, due legislature sono dieci anni, tempo sufficiente per servire il Paese poi si ritorna alla propria professione. Sapete che molti parlamentari hanno doppio stipendio come ‘ma va là Ghedini’ che prende lo stipendio come deputato e come avvocato del presidente del Consiglio”.


°°° Beppe non fa più il comico da anni, oramai fa il Guru. Ben venga. Non fa che ribadire cose che dico da almeno 15 anni.

bdimissioni

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter

Niente, non mi permettono di riposare…

… questi arroganti di sedicenti muratori se ne impippano della gentilezza e delle leggi. Domattina chiamo i carabinieri e vediamo… Per ora, dunque, andiamo a vedere le minchiate e gli annunci del mafionano e della sua cosca e il NULLA da essi realizzato dopo oltre un anno di regime:

http://www.lavoce.info/dossier/pagina2941.html

a) Quasi azzerata la cooperazione internazionale e gli aiuti a paesi poveri, con conseguente figura di merda proprio ora che all’Italia spetta la presidenza del G8 anche sugli aiuti globali: simo l’unica nazione inadempiente, mentre prodi aveva destinato un miliardo e aumentato dell’86% le risorse.

b) Piano casa – edilizia abitativa. Solo chiacchiere e annunci NON un solo euro è stato stanziato e NON una sola pietra è stata posata. BUFFONI!

3) Energia e ambiente. Solo propaganda: dopo aver creato il problema rifiuti in Campania, coi suoi uomini legati alla camorra, burlesquoni spaccia per rusolto un problema che invece è solo agli inizi della sua via cricis giudiziaria. I rifiuti sono stati SPOSTATI in un’area pericolosissima: il cuore del pascolo e degli allevamenti delle bufale… quindi fine della mozzarella di bufala campana. In compenso, ha inaugurato l’inceneritore di Acerra, voluto e finanziato da Prodi, che però ancora non ha funzionato un solo minuto. E, mentre in tutto il mondo si stanno chiudento e smantellando le centrali nucleari, Mafiolo sta procedendo con l’iter per la delirante costruzione di alcune centrali nucleari già oggi obsolete, costosissime, e pericolossime (e proibite da un referendum stravinto).
4) Fisco. Col regime burlesquoni le tasse sono aumentate arrivando a quasi il 44% di prelievo: sono le più alte da almeno 20 anni, mentre i furbetti hanno ripreso a NON pagarle. Cìè un aumento dell’evasione vicina al 10% in più rispetto al governo Prodi, mentre le entrate sono giù del 7% in meno. Non solo: l’abolizione dell’Ici ai miliardari e alla chiesa ha costretto il 99% dei Comuni italiani ad aumentare i balzelli e le imposte ed a ridurre di molto i servizi e la qualità di quelli restanti.
5) Politiche per le famiglie. Che dire delle buffonate note come SOCIAL CARD o BONUS FAMIGLIE? Due autogol che pagano i pensionati più poveri e le famiglie più disagiate. Senza una SERIA politica anche in questo campo, il regimetto ha triplicato i poveri e tra un anno si prevede un uklteriore collasso della classe media.
6) Giustizia. Oltre al LODO ALFANO e ai continui attacchi ai magistrati onesti che lavorano, il regime del mafionano si è contraddistinto per alcune norme razziste ed incostituzionali del cosiddetto “Pacchetto sicurezza”, utile solo ad incasinare ancor più il lavoro dei tribunali e delle indagini.
7) Immigrazione. Anche qui, la politica ottusa, cieca e razzista del governicchio si è tirata addosso le ire di tutto il mondo civile, dell’Onu, della Comunità Europea, e persino della chiesa. In sostanza, gli sbarchi sono triplicati e il regimetto di mafiolo rischia delle denunce internazionali per procurata strage e genocidio, col loro insistere sul barbaro comportamento dei respingimenti violenti e indiscriminati.
8) Informazione. Qui siamo vicini al regime totalitario e l’Italia in questo anno è stata trascinata agli ultimi posti tra tutti i paesi del mondo come libertà di stampa. Le tv sono sempre più inguardabili e sempre più nelle mani della propaganda di regime. I media italiani oscurano pedissequemente la verità e scrivono o mandano in onda solamente minchiate indifendibili e calunnie nei confronti della rarissima stampa libera. Anche in questo campo siamo la vergogna del mondo.
9) Infrastrutture. Anche qui molti annuci e nessuna sostanza: siamo fermi ai lavori voluti e finanziati dai governi Prodi. Questo regime ha soltanto abolito i controlli antimafia negli appalti e cancellato le gare trasparenti per affidare agli amici degli amici, senza alcun controllo, tutta una serie di lavori. Per fortuna NON C’E’ UN CENT DA RUBARE. Per ora.
10) Privatizzazioni. Qui il regimetto che si è sempre professato “liberale” ha stoppato tutte le liberalizzazioni volute da Prodi e Bersani. Ha però derubato gli italiani di un pacco di miliardi di euro con la buffonata-truffa Alitalia.
11) P.A. Dopo tantissimo fumo e troppi effetti speciali, la “cura Brunetta” si è rivelata già per quel che si poteva prevedere: un fiasco.
12) Aggiungiamo la devastazione della sanità pubblica (che sotto il breve governo Prodi era stata messa sotto controllo di spesa ed efficienza, responsabilizzando le regioni), della Pubblica Istruzione e della ricerca: settori strategici per l’immediato e per il futuro sviluppo di una nazione civile, che un regimetto miope ed ignorante ha deliberatamente ucciso. Ed ecco che abbiamo un quadro completo di un anno di disastri, falimenti, insuccessi e devastazione uniche al mondo. RICORDATEVELO quando vedete il mafionano fare i suoi sproloqui in televisione o sulla stampa asservita.

bduce2

berlusconi_dimettiti

Condividi
  • Facebook
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Live
  • YahooMyWeb
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Twitter